KAROVANADA 3 APRILE

Con la presente siamo lietissimi di presentare e supportare questa ottima occasione d’incontro e divulgazione  delle istanze Venete tramite un mezzo inusuale e molto particolare, leggi leggi sotto che figata !!! :

 KAROVANADA  VENETA  DI  MACCHINE

SERENISSIME     E     PACIFICHE 

Percorso Karovana Veneta OK - A4

Vi sarà un ulteriore troncone di macchine che arriverà  dall’Ovest a nutrire questo fiume in piena, partendo da Verona attraverseremo in bellamostra tutto il Veneto Trasversalmente fino al Palaverde dove ci congiungeremo col troncone che scende da Cortina alle ore 11.

UNITI (finalmente!!!) quindi ci Continua a leggere

Pubblicato in Blog Pubblico | 5 commenti

Buona Pasqua di Risveglio e Leggerezza

Pasqua-morte-risurrezione-libertà-indipendenza

“La Pasqua cristiana è detta Pasqua di risurrezione.
La Pasqua ebraica è detta Pasqua di liberazione (dalla schiavitù d’Egitto).”

Auguriamo a tutti di  aver il Coraggio di poter “morire un  pochino oggi”, abbandonando idee preconcette che provocano pesantezza e problemi….

per poter resuscitare un domani con la scoperta della verità,  per poter aver una nuova spinta verso un luminoso futuro di Leggerezza.

Sarà Veramente Pasqua solo quando vi sarà Libertà,

la vera Libertà può partire solo dalla nostra testa…..

Buona Pasqua a Tutti  da tutto il  Team Vivere Veneto

Pubblicato in Blog Pubblico | Lascia un commento

Sull’impossibilità dello Statuto Speciale per il Veneto

Approfondimento su alcuni argomenti trattati nel precedente articolo: “Autonomia del Veneto? Impossibile”

di Anna Iseppon

Come già scritto precedentemente, ci sono diverse ragioni per cui la promessa dello statuto speciale per il Veneto è una colossale bufala. Vediamole insieme:

Veneto a Statuto speciale – la riforma costituzionale impossibile

Le modifiche costituzionali  (e far diventare il Veneto una Regione a Statuto speciale implica una modifica della costituzione) sono regolamentate dall’Art. 138 della Costituzione. Esso prevede, Continua a leggere

Pubblicato in Attualità, Blog Pubblico | 8 commenti

18° “Corso de Veneto”: a QUINTO DI TREVISO

LocandinaCorsi_CVV- quintotv-page-001
Quinto di Treviso (TV) – da Giovedì 31 Marzo

Con il Patrocinio del Comune di Quinto di Treviso.
Ore 20:30 presso
Sala Consiliare (Municipio), Via Roma 1
Presentazione: Giovedì 31 Marzo con conferenza sul tema:
Esiste la lingua Veneta ?

Lezioni Corso: Giovedì 7, 14, 21, 28 aprile e 5 maggio 2016
ore 20:30 presso Sala Consiliare (Municipio), Via Roma 1
Cerimonia finale e consegna Attestati: Giovedì 12 Maggio 2016
(evento FaceBook: https://www.facebook.com/events/1700176656889385/)

> per informazioni e preiscrizioni:corso@academiabonacreansa.eu
Alessandro (333-6287484); Silvia (3897933396)

Ricordiamo inoltre gli altri due Corsi già confermati, in partenza tra marzo e aprile: 16°–CAORLE e 17°–CAMPAGNA LUPIA

 

Caorle (VE) – da Sabato 19 Marzo

Ore 17:00 presso Sala Parrocchiale Giovanni XXIII (a fianco Duomo), Piazza Vescovado 6
Presentazione: Sabato 19 Marzo (ore 17.00) con conferenza sul tema:
Esiste la lingua Veneta ?
Lezioni Corso (ore 17.00): Sabato 2, 9, 16, 23 e 30, Aprile 2016
Cerimonia finale e consegna Attestati: Sabato 7 Maggio 2016
(evento FaceBook: https://www.facebook.com/events/1249418521752372/)

per informazioni e preiscrizioni:corso@academiabonacreansa.eu
Alessandro (333-6287484); Mario (335-6386876)

Campagna Lupia (VE) – da Mercoledì 13 Aprile

Con il Patrocinio del Comune di Campagna Lupia
e in collaborazione con la Pro Loco di Campagna Lupia

Ore 20:30 presso Sala Consiliare (Villa Comunale), via Repubblica 34
Presentazione: Mercoledì 13 Aprile (ore 20.30) con conferenza sul tema:
Esiste la lingua Veneta ?
Lezioni Corso: Mercoledì 1, 8, 15, 22 e 29, Marzo 2016
presso Centro Civico, via Repubblica 1
Cerimonia finale e consegna Attestati: Mercoledì 9 Aprile 2016

> per informazioni e preiscrizioni:corso@academiabonacreansa.eu
Alessandro (333-6287484); Michele (335-6386876)

Pubblicato in Blog Pubblico | 1 commento

Dedicata a chi non ne fa buon uso

di AndreaD

raffaello_scuola_di_ateneVolevo dedicare questi miei versi in Łengua Veneta a quella disciplina squisitamente umana che, spesso e volentieri, viene trascurata se non addirittura maltrattata e disprezzata. Sto parlando della logica o, per dirla in Łengua Veneta, de ła łòzega. Va da sè che l’essere umano, nella sua imperfezione, può essere indotto facilmente in errore, ma da sempre la logica ci guida come un faro nel tempestoso oceano delle nostre tribolazioni.

Ła łòzega

Ła łòzega ze cheła roba       
che rento ła me ròzega.          
Vero ze vero, A digo mi,              
che se ghe ze łe fondasion,                  
e łora cueło che ze falso                              
l’è sol che ła gran confuzion.

Cusì A pararìa bon                              
far fiłò co i fiłozofi,                        
che in scuara i te mete                    
e no te fa on repeton.

Parché ciaciarar                                          
– de cuel che no se conose –                 
dza l’è on scumisiar mal,                
ma insìstar                                         
– inbrojando i discorsi –                  
A ze on fastidiozo pecado mortal!

Tra’l savio e’l bauco                      
el paso l’è asè curto,                    
donca fate furbo                            
e dòpara ‘sto truco:

vol scanpar ła verità cofà’l bizato,
ma ti tènjeła salda e ciuza                                        
co’l discórar pułito e rajonato.      
Se’l cor el ga tanta pasion,            
A no vołe propio dir                            
che’l gapia senpre razon.

(AndreaD)

Pubblicato in Blog Pubblico, Lingua veneta, Società Veneta | Contrassegnato , , , , | 1 commento

Primi “Corsi di Veneto” a Venezia: CAORLE e CAMPAGNA LUPIA


CAORLE (VE) – da Sabato 19 Marzo

Ore 17:00 presso Sala Parrocchiale Giovanni XXIII (a fianco Duomo), Piazzetta Mariuccia David
Presentazione: Sabato 19 Marzo (ore 17.00) con conferenza sul tema:

Esiste la lingua Veneta ?

Lezioni Corso (ore 17.00): Sabato 2, 9, 16, 23 e 30, Aprile 2016
presso Sala Parrocchiale Giovanni XXIII (a fianco Duomo), Piazzetta Mariuccia David
Cerimonia finale e consegna Attestati: Sabato 7 Maggio 2016

> per informazioni e preiscrizioni: corso@academiabonacreansa.eu
Alessandro (333-6287484); Mario (335-6386876)

CAMPAGNA LUPIA (VE) – da Mercoledì 13 Aprile

Ore 20:30 presso Sala Consiliare (Villa Comunale), via Repubblica 34
Presentazione: Mercoledì 13 Aprile (ore 20.30) con conferenza sul tema:

Esiste la lingua Veneta ?

Lezioni Corso: Mercoledì 1, 8, 15, 22 e 29, Marzo 2016
presso Centro Civico, via Repubblica 1
Cerimonia finale e consegna Attestati: Mercoledì 9 Aprile 2016

> per informazioni e preiscrizioni: corso@academiabonacreansa.eu
Alessandro (333-6287484); Michele (335-6386876)

Pubblicato in Blog Pubblico | 1 commento

La Lingua Veneta approda al Liceo

corsoNella mattinata di giovedì 10 marzo, i Licei dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Isaac Newton” di Camposampiero (PD) hanno ospitato per la prima volta un Laboratorio sulla Lingua Veneta, intitolato: “Il Veneto e le altre Lingue Europee”. [Comunicato Stampa Allegato:comunicato stampa 20160311]

A condurre il Laboratorio è stato il dott. Alessandro Mocellin, giovane laureato in giurisprudenza e laureando in scienze del linguaggio – coautore del primo manuale universitario in lingua veneta, pronto per essere edito in Germania per i tipi dell’Università di Francoforte – che da due anni tiene i primi Corsi di Veneto, ideati e organizzati dall’Academia de ła Bona Creansa (di cui è vicepresidente), un’istituzione privata con sede a Vicenza che cura lo studio, la tutela e la diffusione della lingua veneta.

Il particolare Laboratorio, proposto in regime di cogestione dagli studenti stessi, ha superato subito il vaglio del corpo docenti, anche grazie ad una proposta innovativa.
«Il Laboratorio esprime il meglio delle esperienze maturate nei 15 Corsi di Veneto organizzati finora
», spiega Mocellin, «diplomando persone d’ogni età e provenienza, anche stranieri, e davvero d’ogni professione – architetti, ingegneri, avvocati, studenti, insegnanti, sindacalisti, lavoratori, imprenditori e anche membri delle forze dell’ordine – nelle province di Verona, Vicenza, Padova e Treviso. Tra marzo e aprile, partiranno altri 5 nuovi Corsi, per la prima volta anche in provincia di Venezia: contiamo di sfiorare i 400 diplomati entro fine maggio 2016».
Panoràmega Gran Sena Academia Bona Creansa 2015

«In particolare il Laboratorio ai Licei di Camposampiero», specifica Mocellin, «mira a far conoscere la diffusione internazionale della lingua veneta e delle sue parole». Sull’annosa questione del “veneto lingua o dialetto”, assicura: «discuteremo le prove scientifiche favorevoli e contrarie avuto anche riguardo all’esperienza linguistica degli studenti, anche confrontando la lingua veneta con le maggiori lingue europee (in particolare con inglese, francese, tedesco e spagnolo) per individuare insospettabili ma evidentissimi e frequenti punti in comune con ciascuna di esse».

E poi chiosa con una promessa: «Conoscere a fondo la lingua veneta consente anche di perfezionare una corretta dizione standard della lingua italiana». Nel frattempo, il giovane studioso offre la possibilità di condurre in inglese il Laboratorio linguistico veneto, e lancia una sfida: «Se Le dicessi che la grammatica veneta assomiglia certamente di più a quella dell’inglese o del francese che a quella dell’italiano?».

A lui è spettato spiegare agli studenti in quali rapporti stia il veneto con l’inglese o con il francese. Certo è che, visti i quasi 60 studenti partecipanti, l‘iniziativa può già considerarsi un successo.
___________________________________________________
Academia Bona CreansaPer maggiori informazioni:
e-mail ciao@academiabonacreansa.eu

Pubblicato in Blog Pubblico | 3 commenti

Dedicata a le fémene

di AndreaD

Les-Demoiselles-d’Avignon-PicassoOggi è l’8 marzo Festa delle Donne. Quale occasione migliore per dedicare, a tutte le fémene del mondo,  una poesia ideata e scritta nella nostra marełengoa veneta? Più che una lingua a me pare, quasi quasi, una formula alchemica che trasforma la musica in versi.
Buona lettura e auguri a tutte le fémene!

Łe fémene
(sesizmo e tormento)

Fémene,
strana rasa.
Parlar o tàzar suzo?
A l’è senpre zbajà…

Fémene,
paura de sustarle.
Cofà el viero
A łe par fate de njent,
e invese!
Fémene che łe te sotera…

Fémene,
intełijenti cuande che łe vol,
manco bauche de i òmeni,
ma pì furbe l’è cuełe de na ‘olta.

Ła vita sensa fémene?
Fursi pì beła,
ma… fursi che…
A no ghe sarìa njanca pì vita?

Mai capìo njent mi,
de łe fémene…
A sonti mi cueło fato roverts?

(AndreaD)

Pubblicato in Blog Pubblico, Lingua veneta, Ricorrenze | Contrassegnato , , , , , | 2 commenti

Veneti per merito

di AndreaD

In questi primi giorni di marzo mi ritrovo a festaggiare il Cao de’l Ano (Capodanno Veneto) e, contemporaneamente alle feste, ne approfitto anche per mettere in ordine i pensierini e le riflessioni che si svilupperanno con l’anno nuovo. Ritengo che stiamo vivendo nella fase iniziale della futura rinascita del Popolo Veneto, un fenomeno che si è avviato, e sta procedendo, pur timidamente e con una certa lentezza. Tuttavia sarei un mentitore se dicessi che non si sta muovendo nulla. Anzi! E la prima domanda che mi sorge spontanea è: “chi sono gli attuali Veneti?

La mia modesta opinione è che essere parte di un Popolo vuol dire essere individui che, pur vivendo in libertà, condividono determinati valori e quindi determinati obiettivi. Questo mi conduce al concetto del “progetto condiviso” che viene portato avanti da una comunità, o da un insieme di comunità nella loro interezza. Una volta stabilito questo corollario mi risulta molto difficile pensare che si possa essere Veneti per una mera questione di ius sanguinis piuttosto che di ius solis. Mi spiego. Una discendenza famigliare genuinamente veneta non garantisce nulla in merito alle capacità e alle virtù di una persona: mentre il progresso culturale e tecnologico è cumulativo, e si tramanda di generazione in generazione, il progresso etico e morale parte da zero con ogni individuo e, per ognuno di noi, è destinato a seguire una strada che potrà essere più o meno edificante. Lo stesso ragionamento vale anche per il cosiddetto diritto alla cittadinanza stabilito per meri criteri di oppurtunismo geopolitico: una cittadinaza attribuita d’ufficio, e frettolosamente, non garantisce nulla in merito agli obiettivi e alla buona fede che dovrebbero avere i presunti “neocittadini”.

Quindi la mia domanda è ancora senza risposta. Chi può dire di essere veneto? E in base a cosa si può stabilire ciò?

zendrini2Per fortuna la Storia mi viene in aiuto, e lo fa con la figura di Bernardino Zendrini. Fu egli un matematico e ingegnere idraulico della Repubblica Serenissima, nato in Val Camonica nel 1679. Attorno al 1738 a lui è attribuito il progetto di sostituzione dei deboli argini, che proteggevano Venezia dalle mareggiate, tramite i cosiddetti murazzi cioè le barriere artificiali in pietra d’Istria, cementate con malta idraulica pozzolana, costruite tra Pellestrina e Chioggia. Per onorare la sua memoria, e il suo impegno, il Senato Veneziano fece erigere un busto marmoreo nel Palazzo Ducale di Venezia con la seguente scritta: “Bernardino Zendrini, matematico della Repubblica, per nascita Camuno, per meriti Veneto”. Vi confesso che quando lessi questa frase per la prima volta rimasi piacevolmente sconvolto. Trovo che sia di una potenza sconvolgente perché in essa i nostri avi avevano mirabilmente sintetizzato il principio fondante che sta alla base di tutti i Popoli: quando si vive nel contesto di una comunità, una comunità che funziona e che rispetta la dignità dell’individuo, allora farne parte diventa una questione di merito. E questo criterio, automaticamente, esclude tutti quegli altri concetti basati su schemi razziali e ideologici, ovvero su dei “non-valori”.

Attenzione però, perchè per criterio di merito io non intendo affatto che si debba essere necessariamente eroi, artisti, scienziati ecc… ovvero personaggi destinati a finire sulle pagine dei libri. No, la questione del merito è molto più semplice e “umana”: significa essere persone leali, sincere e coraggiose, e per coraggio io intendo la capacità di saper affrontare la vita, e le altre persone, in modo adulto e responsabile.

Ritengo, quindi, che essere Veneti nel 2016 non sia un privilegio da attribuire in base al nostro cognome o al fatto che viviamo in un territorio che, almeno per ora, è ancora relativamente ricco e prospero. Essere Veneti non è unda-grandi-poteri-derivano-grandi-responsabilita privilegio ma una responsabilità, e questa regola vale per tutti i Popoli del mondo: nel momento stesso che un Popolo viene meno a se stesso la sua decadenza sarà inevitabile. E se noi vogliamo rinascere orgogliosamente Veneti allora dobbiamo dimostrare con la nostra condotta che ce lo meritiamo. Dimostriamo che siamo in grado di amare la nostra Terra, la nostra Cultura e che sappiamo convivere costruttivamente tra di noi e con il resto del mondo.

L’anno che verrà rappresenta un’occasione da sfruttare a fondo per dimostrare che noi “Terzi Veneti” stiamo diventando finalmente adulti e maturi. Ora più che mai è necessario uscire dal bozzolo del cosiddetto venetismo (la fase “larvale” della nostra rinascita) per coinvolgere e lavorare assieme a tutti quei Veneti di buona volontà che ancora non sanno di essere Veneti.

Bon dì e Bon Ano,

AndreaD

Pubblicato in Attualità, Blog Pubblico, Editoriali, Società Veneta | Contrassegnato , , | 2 commenti

BANCHE POPOLARI E VALORI VENETI

Riceviamo e pubblichiamo:

COMUNICATO STAMPA

valore-moraleIn una società complessa come quella nella quale stiamo vivendo, ci sono valori che sono necessariamente fondamentali ed inalienabili per la serena e proficua convivenza civile. Oggi, come mai nel passato, è indispensabile che coloro che sono ai vertici della piramide sociale incarnino tali valori e siano esempio e garanzia del rispetto degli stessi. Se così non è o non fosse ci si troverebbe nell’inferno della prepotenza dell’arbitrio e della peggiore tirannia.

Oggi come non mai le moderne tecnologie consentono a chi sta ai vertici  strumenti di potere, legali, paralegali ed illegali inauditi al più aspro ed assoluto tiranno medievale. E’ dunque vitale che la nostra società Continua a leggere

Pubblicato in Blog Pubblico | 4 commenti