LA SCOZIA INSEGNA

di Giovanni Della Valle

Politica fatta sui contenuti versus politica fatta contro le persone

0In italia la politica si fa spesso attaccando la persona dell’avversario, addirittura il collega di partito. E’ una abitudine non necessariamente solo latina, il famoso gallismo, si diceva una volta. In realtà l’abbiamo vista crescere dagli anni ’80 in poi sotto l’influenza dei talk-show americani e dei confronti per accrescere l’audience. Ecco allora che assistiamo a  dibattiti basati su difetti personali, gossip, persino looks sbagliati.

Tutto questo forse poteva andar bene in una società mediatica di fine secolo scorso basata su uno strumento catodico a senso unico e con cui era impossibile interagire: la televisione. Oggi c’è Internet e la TV attira sempre meno le nuove generazioni, più propense a confrontarsi su FB, Twitter, siti, blogs ecc. dove è facile attingere a fonti d’informazione e nasce facilmente un dibattito che smonta velocemente una asserzione in base a fatti accertabili.

Il 14 agosto ho avuto l’opportunità di assistere a una seduta del consiglio regionale di Inverness, nelle Highlands, un enorme territorio che comprende il Nord-Ovest della Scozia e le isole Ebridi. Era evidente la differenza di metodo. Si parlava di questioni rurali, amministrazione di foreste, piani decennali per lo sviluppo di agricoltura, appezzamenti, lotti ecc. ma anche pianificazioni edili pubbliche di villaggi per scopo educativo, sociale ecc.; i dibattiti venivano proiettati sulla parete per illustrare grafici e statistiche. I budget per la spesa partivano già tutti coperti e il bilancio era sempre positivo, con enorme risparmio sui preventivi approvati l’anno prima.

In altre parole abbondanza di fondi per nuovi investimenti senza bisogno di ricorrere a nuove tasse. Gli interventi erano cronometrati e ordinati secondo codici numerici per tema. Quindi tutti gli interventi, indipendentemente di maggioranza o opposizione, si svolgevano su ‘contenuti’ chiari e precisi e non si poteva uscir di tema altrimenti il chairman locale alzava la mano e chiudeva il discorso. Si dirà: fanno la stessa cosa anche in parlamento romano oggi. Abbastanza vero per la durata comandata ma l’intervento tende spesso a focalizzarsi su critiche personali, spesso ad alto livello emotivo (invettive, accuse ecc.).

Nei consiglio comunali o provinciali, poi, è come andare a teatro. In TV invece si fa passerella come la star di una telenovela.  Magari anche divertente ma quasi sempre inutile per i cittadini. Così non si va da nessuna parte, cari politici italiani. E i cittadini, che poi sono i destinatari dei vostri provvedimenti sconclusionati e altamente soggettivi, alla fine vi bastonano perché non sapete amministrare, sprecate denaro pubblico e poi vi tocca aumentare le tasse per metterci la toppa. In un futuro parlamento della Repubblica Veneta, vorrei vedere una politica fatta sui contenuti e basta con le chiacchiere o le disquisizioni inutili sul sesso degli angeli o sulle pecche di tizio, caio o sempronio. Siate politici, siate amministratori come nel senso greco antico della parola politeia: amministrazione della città, e niente di più. Ascoltate la gente e otterrete consenso vero !

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

4 risposte a LA SCOZIA INSEGNA

  1. loris palmerini ha detto:

    Ieri sera l Assemblea dei membri, parlamento rappresentativo del popolo veneto, si e’ svolta esattamente in quel modo, anche se ancora non controlliamo operativamente il fisco.

    Mi piace

  2. LUIGI ha detto:

    Vardè che le il sistema adoperà in Australia a tutti i livelli de discussion e decision (enti pubblici ed enti privati): assorbita dal sistema Veneti immigrati. Niente de novo sul Pianeta, ma riscoperta de un sistema antico: VENETKENS.

    Mi piace

  3. E allora incoraggiamo anche i nostri ad adottarlo nella futura nuova Repubblica Veneta. Non e’ possibile assistere a sedute comunali che durano fino alle 4.00 del mattino per partorire solo “vedremo” o “seduta aggiornata a…”.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...