Aneliti di Libertà

da Redazione Vivere Veneto

catene“Questa sera siamo qui per una faccenda grave. In senso generale, siamo qui perché prima di tutto e innanzi a tutto siamo cittadini, e siamo decisi ad esercitare la cittadinanza nel suo significato più pieno.

Siamo qui anche perché amiamo la democrazia, quando da un fragile foglio di carta si traduce nella concretezza di un atto, è la migliore forma di governo che esista sulla terra…

Sapete, amici miei, viene sempre l’ora in cui un popolo si stanca di essere calpestato dal ferreo piede dell’oppressione. Viene l’ora, amici miei, in cui un popolo si stanca di essere sprofondato nell’abisso dell’umiliazione, dove si vive nello squallore di un lamentoso scoramento. Viene l’ora in cui il popolo si stanca di essere scacciato dal sole scintillante del luglio della vita, e lasciato in piedi nel freddo pungente di un novembre alpino.

E noi non abbiamo torto. Non siamo nel torto facendo quello che facciamo. Se siamo nel torto noi, allora è nel torto la Corte suprema di questo paese. Se siamo nel torto noi, allora ha torto la Costituzione. Se siamo nel torto noi, allora Gesù di Nazareth non era altro che un sognatore utopista, che non è mai sceso sulla terra. E noi qui siamo ben decisi a lavorare e a batterci finché la giustizia non scorrerà come l’acqua e la rettitudine come un fiume poderoso.

Voglio dirvi che in tutte le nostre azioni dobbiamo tenerci uniti. LibertàL’unità è la grande esigenza di quest’ora, e se saremo uniti potremo ottenere molte delle cose che non solo desideriamo, ma meritiamo giustamente. E non vi lasciate spaventare. Noi non abbiamo paura di quel che facciamo, perché lo facciamo nel rispetto della legge. Nella nostra democrazia (americana) non c’è mai un momento in cui dobbiamo pensare di essere nel torto se protestiamo. Noi ci riserviamo questo diritto.”

Martin Luther King 50 anni fa fondava il Movimento di Montgomery con questo discorso.

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Aneliti di Libertà

  1. Edoardo Rubini ha detto:

    Martin Luther King aveva ragione a porre l’accento sui valori spirituali (che sono il nucleo fondamentale dell’identità etnica) nel tracciare la strada per la libertà del popolo. La riscossa di una Nazione non può proprio maturare se mossa da una sommatoria di egoismi, come pretendono le dottrine liberali. Per questa ragione, la Veneta Serenissima Repubblica era Stato Cattolico e confessionale (da “confiteor” = io testimonio che Gesù Cristo è Dio). Il Vangelo resta al centro dei nostri valori; inoltre, è l’unico testo che a distanza di secoli si conferma perfetto ed infallibile.

    Mi piace

  2. Eugenio Fontana ha detto:

    Quando Martin Luther King,faceva questo discorso,e parlava di Popolo,penso si riferisse alle persone di Colore ( neri ) e si batteva per avere gli stessi diritti che avevano i bianchi americani,e si apellava alla Costituzione americana.Nel nostro caso la cosa è un po’ diversa,Noi Popolo Veneto chiediamo L’INDIPENDENZA,E la Costituzione Itagliana non lo prevede,Parlando sempre degli U.S.A Loro l’indipendenza se la sono presa con le armi..come quasi tutti i popoli..Poi Martin Luther King..aveva fondato un Movimento di Montgomery,e chiamava Tutto il suo popolo alla Unita’ ,noi cosa abbiamo? Alcuni partitini ed un Governo Veneto in esilio a Salerano…:0) Sulla Democrazia ,si sara’ la migliore forma di governo al mondo,ma anche li nella Democrazia,di fronte allla LEGGE ,non siamo Tutti Uguali,in U.S.A se fai un Reato tra un ricco ed un povero non è Uguale ,il Ricco si Prende un Grande avvocato,e Paga la Multa il Povero si prende quello che puo’ e se non ha i soldi da pagare la Multa va in Galera..

    Mi piace

  3. Claudio G. H. ha detto:

    L’unità di un popolo si ha quando i singoli individui sono felici di stare insieme, ovvero di aggregarsi per formare quel popolo. La felicità non arriva per decreto e non può essere stabilita da ragioni etniche, tantomeno dalla supponenza di chi crede di unire tutto in una entità mitizzata come spesso sento da certi nostalgici della Serenissima.
    Quando si stigmatizza l’egoismo e si parla di libertà di popolo nello stesso pensiero si fa una valutazione superficiale, perché la libertà non può essere imposta e l’egoismo è la quintessenza della libertà, poiché la libertà è l’agire senza ostruzioni secondo la propria volontà.
    E chi opponesse a questo l’osservazione che la libertà và regolata e mediata, io replico reciso che la libertà è come una donna incinta: o c’è o non c’è.

    Sono pertanto razionalmente da rigettare tutte le ipotesi di ostruzione della libertà della persona che è il primo elemento fondamentale per costruire una comunità: non vi è infatti comunità senza le persone, senza ciascuna singola e unica persona, da rispettare in tutto e per tutto a partire dalla sua volontà circoscritta dall’eguale diritto altrui.

    La democrazia è senz’altro il miglior compromesso per l’accordo di scelte che riguardano molti, ma la democrazia è fatalmente incline a calpestare le singole persone, perciò alla democrazia occorre affiancare una carta dei diritti che stabilista i confini invalicabili oltre i quali nessuna volontà espressa democraticamente può arrivare, in difesa della persona, il bene più prezioso di ogni comunità.
    Inoltre alla volontà espressa attraverso la democrazia è opportuno restringere il campo d’azione delle sole cose che ineluttabilmente devono essere condivise tra i membri della comunità.

    Non esistono diverse forme di democrazia, esiste solo una democrazia e questa è quella diretta, tutte le altre forme sono delle mistificazioni.
    Certo, per decidere cose ineluttabilmente condivise tra milioni di persone non è pratico affidarsi sempre alle decisioni dirette, né efficiente. In quel caso la democrazia rappresentativa però ha dimostrato tutta la sua fallacia. Allora io suggerisco una nuova formula, in cui si getta definitivamente l’ipocrisia che i politici agiscano per il bene degli altri senza preoccuparsi prima di loro stessi, cambiando completamente il paradigma.

    Mi piace

  4. Andrea Ravelli ha detto:

    veneti uniti veneto stato

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...