VENEZIA E LA SCHIAVITU’

da Redazione Vivere Veneto

Schiavitù Abbiamo pubblicato nei giorno scorsi un post che ricordava come Venezia avesse abolito la schiavitù, con una promissione dogale, già nel 960 A.D. cioè 800 anni prima che il problema si ponesse altrove. Richiesti della fonte di documentazione e avendo risposto Wikipedia, abbiamo ricevuto dalla signora Marina la seguente risposta :

“Ah, Wikipedia! Capisco tutto.  Consiglio la dissertazione del Cav. Vincenzo Lazari (giugno 1862) intitolata “del traffico e delle condizioni degli Schiavi in Venezia nei tempi di Mezzo.”  L’autore pubblica molti documenti originali, che potete consultare a piacere nell’Archivio di Stato”

Gentile Signora Marina, siamo Veneti, orgogliosi di esserlo, ma non siamo storici. Magari avessimo la competenza e i mezzi per verificare fino agli archivi di stato le fonti originali delle notizie che riportiamo.

Crediamo fermamente che la cultura Veneta si debba diffondere attraverso tutte le sue risorse, Streghenelle persone che posseggono competenze per farlo e invitiamo la Signora Marina e chiunque ne sia all’altezza ad inviarci un suo testo che permetta all’uomo della strada di accedere alla posizione di Venezia sulla schiavitù, magari comparandola alla posizione che assunsero altri stati, forse qualche secolo dopo. Da parte nostra, azzardiamo l’ipotesi che l’abolizione fosse solo per certe categorie. Poi si trattava di una promissione dogale, magari non completamente realizzata, ma segno comunque di una sensibilità acquisita ben prima che altrove.

Potrebbe anche essere interessante confrontare la posizione di Venezia Lazzareto Vecchiorispetto agli altri stati, ad esempio sull’inquisizione, la salute pubblica, la difesa del territorio, il mercato globale, il finanziamento delle attività di terzi, che nel XX secolo gli anglosassoni chiamarono Business Angels etc …. tutti paragoni interessanti.

Vogliamo concludere ribadendo il nostro invito agli storici e agli esperti ad inviarci contributi da pubblicare. La nostra Storia Veneta, volutamente e ostinatamente negata dalla storia ufficiale italiana, è talmente ricca di spunti che è davvero una pena che i nostri articoli di semi-profani si debbano ispirare a Wikipedia.

Grazie.

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico, Identità Veneta. Contrassegna il permalink.

4 risposte a VENEZIA E LA SCHIAVITU’

  1. Anna ha detto:

    Ho trovato questo sulla treccani. Nel giugno 960 il Doge Pietro Candiano emanò una constitutio che (incollo da li, sperando sia ritenuta più “autorevole” di wikipedia) “rinnovando ai Veneziani il vecchio divieto del doge Orso sul commercio degli schiavi, prescriveva in modo particolare che esso venisse osservato per quanto riguardava uomini e zone bizantine (nessun veneto doveva prestare soldi a greci perché comprassero schiavi; nessun veneto doveva osare trasportare schiavi in “terra Graecorum” o “ultra Polam”; nessun veneto doveva prendere denaro da greci o da gente de terra Beneventi per trasportare schiavi)”

    Da ciò si evince che l’abolizione della schiavitù era solo per alcune categorie di uomini/donne mentre non si fa riferimento ad altri… Vista l’epoca ritengo si trattasse comunque di una presa di posizione “rivoluzionaria”.

    Il fatto che si riferisca poi ad un “vecchio divieto del doge Orso sul commercio degli schiavi” antecedente al 960… beh…significa che la Serenissima era senz’altro sensibile alla tematica.

    Quando si guarda alla storia dovremmo cercare di “non giudicare” alla luce delle condizioni o del pensiero moderni ma cercare di valutarla obiettivamente in base al contesto di quel periodo…

    Se c’è qualche storico all’ascolto che possa aiutarci a contestualizzare questo fatto gliene sarei/saremmo grati… 🙂

    Mi piace

  2. Loris Palmerini ha detto:

    Obbiettivamente non si può dare per scontato quello che c’è su Wikipedia, e su uno vuol fare informazione e cultura ha l’obbligo di verificare le fonti. Il problema non è di non essere storici, bastava verificare come ha fatto Anna.

    Mi piace

  3. Eugenio ha detto:

    Pur essendo appassionato di Storia tante cose,non le conosco,credo che il LORIS ,abbia ragione quando dice che non bisogna dare per scontato quello che c’è su Wikipedia,Poi come Giustamente dice L’ANNA,Quando si parla di Storia bisogna non giudicare alla luce ,del pensiero moderno,ma valutarla ,in base al contesto di quel periodo Storico.

    Mi piace

  4. adminaltovicentino ha detto:

    Ho avuto occasione anch’io di leggere il commento della signore Marina,alla quale ho risposto chiedendole se pensa che negli altri stati dell’epoca gli schiavi facessero la “bella vita”.Guardare solamente certi “aspetti” e ignorando volutamente tutti gli altri mi sa di “prevenuto” e anche il non rispondere ai commenti indica pur qualcosa che lascio a voi interpretare.Io, la mia idea me la sono già fatta. Ciao a tutti.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...