NOI E I NOSTRI VICINI … UN UNICO PERCORSO VERSO LA CONSAPEVOLEZZA

di Guidotin

FirenzeHo amici fraterni in Toscana. Mio fratello e la sua famiglia abitano in Sardegna, terra meravigliosa così come meravigliosa è la sua gente. Conosco persone provenienti da quasi tutte le regioni “italiane” con le quali ho instaurato un bellissimo rapporto e con le quali condivido il mio punto di vista accettando di buon grado di conoscere il loro.

Inutile dire quanto ami le bellezze dell’Italia intera (così come quelle che ho avuto la fortuna di vedere e visitare in giro per il mondo).

Tutto questo non mi costringe ad accettare supinamente, in nome di una supposta … unità nazionale,  le azioni vergognose di generazioni di “politicanti” che hanno tolto alla mia gente la sua identità, sfruttandola e trasformandola in un cavallo da soma munito di paraocchi perché non sappia la verità sulle sue origini.

Qualsiasi persona che non voglia difendere con le unghie e con i denti soltanto i suoi interessi di parte e che osservi con il dovuto distacco e assenza di pregiudizio come si è svolta la storia (quella vera, che per fortuna è ancora possibile conoscere!) non può negare il diritto ai Veneti di riavere la loro Indipendenza, di essere Nazione ! Certo, ci saranno mille tasselli da “incastrare” ma l’ostacolo maggiore da superare è la pigrizia che, in molti di noi, si è insinuata come un tarlo al punto da toglierci le energie e la volontà di … Sapere!

LeoneRuggenteMolti di noi Veneti sono ammalati di rassegnazione e, a causa delle bastonate subite, hanno perduto la capacità di reagire ma, per fortuna e per giustizia, molti altri stanno raddrizzando la schiena e guardando avanti, con il cuore ben radicato su un glorioso passato, hanno identificato l’obiettivo per un sereno futuro.

Un obiettivo che, se raggiunto, non toglierà nulla a tutti i cari amici sparsi sulla penisola. Ad essi, invece, una nazione riconquistata e che è stata storicamente un modello per il resto del mondo non potrà che far del bene. Invece toglierà, probabilmente molto, a chi si nutre delle sofferenze di un popolo e che si guarda bene dal riconoscerlo tale (anche se è la legge ad affermarne l’esistenza!).

PalermoNon c’è quindi, o credo non debba esserci, nessun astio, nessuna animosità contro chi, non essendo veneto è stato, a sua volta, pilotato dal potere imperante che ha fornito della storia la sua versione dei fatti. Versione funzionale, come sempre accade, ad un unico scopo : dominare.

Dobbiamo tutti, indistintamente, uomini di buona volontà e in assenza di pregiudizi, sforzarci di conoscere la verità e ancora una volta la verità ci renderà liberi.

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

3 risposte a NOI E I NOSTRI VICINI … UN UNICO PERCORSO VERSO LA CONSAPEVOLEZZA

  1. Associazione Europa Veneta ha detto:

    Come l’UE, anche il Regno d’Italia non è nato per volontà di nessun popolo, ma solo per le trame di poteri fortissimi. Il Regno d’Italia nella sua forma originaria nacque con il dominio napoleonico nel 1805, durante una dominazione violenta e oppressiva, frutto dei successi militari di Buonaparte in Europa (dominazione sempre contrastata dalle masse popolari contadine, ma anche cittadine, sin dal 1796). Il Regno del 1861 fu preceduto dall’attività sovversiva e sanguinaria di piccoli accoliti riuniti in associazioni segrete come l’Alta Vendita (la “Carboneria”, cioè il braccio armato delle logge massoniche). Ma l’invasione delle Due Sicilie fu un’operazione terroristica in piena regola, pilotata dal Regno di Sardegna e spalleggiata dall’Impero Britannico, non un moto popolare contro la Dinastia Borbonica. L’unico movimento popolare antiaustriaco fu la sollevazione veneta degli anni 1848-49, che infatti portò alla rinata “Repubblica Veneta” di Manin, che (nonostante il connubio di tricolore e Leone di San Marco sulla bandiera) rimase un fatto veneto. Morale: non c’è mai stato né uno “Stato italiano” (dato che un aggregato di poteri forti non forma uno Stato), né una “nazione italiana”, ma solo un mito nazionalistico che ha eccelso in un unico campo: distruggre la Civiltà Tradizionali preesistenti.

    Mi piace

  2. Anna ha detto:

    Amare il Veneto e la sua gente non corrisponde a odiare tutti gli altri. Questo è un pregiudizio che origina da anni di mala politica, poco lungimirante e poco intelligente…che oggi si riversa su noi indipendentisti. Bell’articolo Guidotin!

    Mi piace

  3. Eugenio ha detto:

    AL Compatriota GUIDOTIN, IO che pur essendo uno XENOFOBO ,parola che sembra una parolaccia invece è solo uno che ama il suo popolo e la sua gente.Comunque nessun astio con gli altri popoli della penisola italica ,e quelli di altri paesi ,basta che non ci invadano e diventiamo una minoranza a casa Nostra come gli Indiani D’america..Ma vedo ke il problema ,non è che questi Popoli ci vogliono Invadere ma Addirittura vengono chiamati qui dai nostri INDUSTRIALI ,per avere una manodopera a basso costo,insomma vogliono cancellare l’identita nostri popoli in nome del dio Denaro..E questo credo sia dovuto non solo Alla Massoneria -Mondialista ,ma anche ad un Liberismo sfrenato dove Tutti diventiamo merce…Tornando ai nostri amici INDIPENDENTISTI ,della Penisola Italica , parlo dei Siciliani ,Sardi ,Sud-tirolesi ,valdostani ,Come mai sono una minoranza nella loro Terra? Esempio il movimento Indipendentista Tirolese alle ultime elezioni a preso il 7% dei voti? Cosa significa? ke i Tirolesi sono diventati una minoranza nella loro terra o è xkè hanno una Regione Autonoma? Ossia che si gestiscono i Loro soldi e poi ne chiedono altri allo Stato Italiano?(certo ke cosi non se la passano male nei confronti delle altre Regioni..:0)Mi viene il dubbio ke lo Stato ITALIANO abbia dato queste Autonomie x tagliare le gambe ai Movimenti Indipendentisti di questi popoli.Lo Stato Itagliano,è astuto preferisce Comprare i vari popoli gli da uno zuccherino ,piuttosto che intervenire con la Forza ,questa è l’Ultima carta che gli resta da Giocare…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...