CHI STA ROVINANDO IL MONDO ? … ACCETTI DI ESSERE PASSIVAMENTE ELIMINATO?

di Mary Helen Balbinot

Il periodo natalizio è stato momento di riflessione per me, non tanto per l’atmosfera religiosa ma quanto perché avendo più tempo a disposizione è possibile fare considerazioni più panoramiche…

sulla riva del fiumeSono giunta alla conclusione che non si può non attivarsi in qualche modo per cambiare le cose. Non sto parlando solamente della situazione politica italiana, che è molto grave ma che rappresenta, alla fine, un piccolo tassello nel puzzle globale. Perché è così: ora, più del secolo scorso, l’umanità è diventata un organismo globale, e le azioni del singolo hanno forti ripercussioni sul mondo intero. Una volta ci si poteva permettere, come singolo cittadino, di rimanere sulla sponda del fiume e guardare ciò che succedeva; tanto anche se si commetteva qualche errore nella gestione del bene comune, le ripercussioni erano ristrette, o comunque le capacità di assorbimento erano quasi infinite.

Oggi ci troviamo con la popolazione terrestre che ha raggiunto i 7 miliardi di unità, 7 miliardi di persone che con le loro azioni (in maniera positiva, molto più spesso negativa) plasmano il mondo. Il mio non vuole essere un predicozzo sull’ecologia, ma una considerazione sul fatto che,mai come ora, siamo in una situazione in cui la totalità degli esseri umani sta avendo un peso mai avuto prima sul pianeta.

La frase che sento dire spesso è “stiamo rovinando il mondo” oppure “ stiamo rovinando l’italia” questo STIAMO è una coniugazione verbale che non mi piace: sembra che dicendo così uno si scarichi la coscienza dicendo “ siamo tutti che stiamo facendo questa futuro del pianetacosa e così è e così rimane”… un paio di balle! Mai come ora Il singolo ha la possibilità ed il dovere di cambiare le cose; mai come in questo momento c’è la possibilità di informarsi (parlo degli individui che hanno accesso ai mezzi di informazione veloce come internet), mai come in questo momento c’è la possibilità di creare movimenti, associazioni che possano attivarsi per risolvere i problemi (problemi che possono essere i più disparati); mai come ora c’è la possibilità di essere cittadino ATTIVO.

Abbiamo la fortuna di avere un mezzo potente come internet che permette di informarsi e attivarsi: è un DOVERE attivarsi! Solo persone senza coscienza possono utilizzare questo straordinario mezzo di comunicazione solo per CAZZEGGIARE! E’ dovere di ogni persona attivarsi per cambiare le cose nella direzione in cui crede, siano queste a livello ecologico (cercate in rete associazioni che si occupano di difesa del territorio dove vivete), sociale (cercate in rete associazioni che difendono la categoria a cui siete interessati), politico (cercate in rete movimenti che si oppongono al declino che ora stiamo vivendo nel nostro territorio)…

Qualsiasi scelta tu farai sarà la scelta vincente, perché ti sarai attivato e nel momento in cui avrai preso coscienza il buon senso lavoro di squadrapotrà solo portarti nella giusta direzione! Non possiamo più permetterci di fare come hanno fatto i nostri genitori che, per carità  ci hanno lasciato molto, ma che non si sono impegnati a livello “politico” (inteso come partecipazione alla cosa pubblica). Non possiamo più attendere fiduciosi le azioni dei “capi”: dobbiamo diventare parte attiva per non essere passivamente eliminati!

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

2 risposte a CHI STA ROVINANDO IL MONDO ? … ACCETTI DI ESSERE PASSIVAMENTE ELIMINATO?

  1. Eugenio ha detto:

    La signorina Mary Helen Balbinot,certo oggi grazie alla Massoneria Mondialista stiamo diventando una societa’ Globale ,dove i vari Popoli vengono annientati ,Insomma un Meticciato mondiale,dove non ci sara’ piu Patria nè Identita’ Sara’ una Lotta di sopravvivenza ,in nome del Dio Denaro.Giustamente ci dice che in questo Pianeta siamo arrivati a quota 7 Miliardi di Persone,Forse si dimentica di dire che fra 10 anni saremo 1 Miliardo in piu’,nonostante ,guerre terremoti ed inondazioni ,Quindi piu Inquinamento piu distruzzione del Territorio ,sembra che piu’ passi il tempo e piu non ci sia spazio per tutti,IL Risultato Finale non puo’ che essere Guerra ..Per quanto riguarda i Cittadini,amesso che buona parte di giovani si informano su Internet ,(che poi si sentono anche qui tante cazzate ) il resto ascolta le televisioni e i vari giornali..Quindi ne tragga lei le conclusioni..

    Mi piace

  2. Associazione Europa Veneta ha detto:

    Giusto l’appello a difendere l’ambiente (che poi per un uomo normale vuol dire il proprio territorio)… Giusta la sollecitazione a non restare inerti… Purtroppo la globalizzazione si traduce sempre in passività, a tutti i livelli. Non sarà l’informazione a pillole di cui abbonda internet, né la solidarietà a distanza delle onlus, né l’impegno sociale a sottoscrizioni telematiche che renderanno l’uomo, o la società, migliori. E come ricorda l’intevento qui sopra del sig. Eugenio, gran parte degli organismi filantropici e ambientalisti (dall’unesco al wwf, a greenpeace) sono in odore di fiancheggiamento in favore di quelle consorterie esoteriche e settarie che dominano il mondo (e infatti ne propagano la visione mondialista). La signorina Balbinot potrebbe sperimentare la controinformazione in rete proprio cominciando da certi organismi, digitando su un motore di ricerca i loro nomi, affiancati dal nome “massoneria”: così emergerà un aspetto da lei un po’ trascurato. Non facciamoci quindi condizionare dai problemi globali! Anche l’esplosione demografica non si contrasta con l’ideologia, o con la pianificazione familiare, ma lasciando che ogni territorio si organizzi il proprio territorio e le proprie risorse umane e naturali in modo autonomo ed equilibrato: all’interno di un’economia risanata e con un tenore di vita più decoroso, anche le nascite nelle zone più povere e diperate si allineeranno a strandard più normali. Non sono questi i veri problemi dell’uomo: oggi bisogna uscire dalla globalizzazione forsennata che è stata imposta a tutti: questo processo sta espropriando ogni comunità umana delle sue risorse, della sua politica, della sua cultura. A cominciare dal Veneto. Il nostro grande obiettivo è tornare alla società tradizionale, quella che aveva i valori veri del Cristianesimo alla sua base. E visto che siemo in periodo natalizio, non guasta ricordarsi tutti Chi dobbiamo festeggiare: http://www.youtube.com/watch?v=L-nY29bW2LA

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...