PASQUETTA A VENEZIA

di Andrea Davanzo

Piazza San Marco

Lunedì di Pasquetta. Giornata grigia e piovosa.
Vado a Venezia, per stare con amici e amiche.

Si mangia, si beve, si ride e si scherza.
Verso sera decido di recarmi da solo in Piazza San Marco.

Arrivo. Sono circa le nove.
C’è poca gente, per fortuna.

Piove. E la piazza lucida riflette se stessa.
Mi vien da piangere. E piango.

Piango vedendo i turisti distratti e svagati
che pensano di essere di fronte all’ennesima cartolina pittoresca.

Piango sapendo che lo stato italiano tiene in pugno i nostri Luoghi
con la forza delle sue leggi e la prepotenza delle armi.

Piango sapendo che tanti, troppi Veneti
sono convinti che la Nostra Piazza sia una, tra le tante, del Bel Paese.

Quanti pregiudizi.
Alla stazione di Santa Lucia ci sono persone che dormono in sacco a pelo.

I poliziotti guardano e fumano.

Ho pianto sapendo che un domani, ormai prossimo,
noi tutti piangeremo per la gioia, e non più per l’umiliazione.

Ho pianto come un qualsiasi essere umano di questo mondo
quando vede che la sua Terra è ridotta a qualcosa di patetico, e non più suo.

Siamo stati bravi a piantare i semi.
Ora prendiamoci cura dei germogli.

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico, Eventi. Contrassegna il permalink.

Una risposta a PASQUETTA A VENEZIA

  1. Vincenzo ha detto:

    Hai ragione…proprio un bel articolo! WSM!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...