LETTERA APERTA AL PATRIARCA

A Sua Eminenza, il Patriarca dei Veneti
FRANCESCO MORAGLIA

Eminenza,

patriarcaieri ho appreso che, in una dichiarazione pubblica, Ella disapprova la volontà ormai maggioritaria dei Veneti a tornare ad autogovernarsi, cosa che han fatto con ottimi risultati per tanti secoli, memori anche dell’antica e particolare autonomia di cui essi godettero prima e fin dall’epoca romana. Fu un periodo quello dello stato veneto, rimasto alla storia; anche nel secolo del suo cosiddetto tramonto, la civiltà veneta brillò di una luce propria e la chiesa veneta seppe tenere il popolo attaccato ai valori cristiani della famiglia, del lavoro, della carità.

Caratteristiche che, anche grazie ai parroci di tante parrocchie, non abbiamo perso del tutto e di questo i veneti vi sono grati. Essi col loro lavoro e il loro sudore, han “tirato la carretta” fin che han potuto, ma ora è l’Italia che ha rotto ogni patto con la nostra Nazione, sperperando e rubando a man bassa, pretendendo ormai il nostro sangue, e credo di non esagerare se dico che il suo dominio è del tutto simile a quello del tanto odiato Napoleone che mise fine alla nostra libertà.

fedeli romaOltre al furto dei frutti del nostro lavoro, negli ultimi 60 anni, siamo stati soggetti a una denigrazione continua, dipinti come contadini ignoranti (vedi le dichiarazioni della De Girolamo, napoletana ex ministra dell’agricoltura) a cui in fondo, era anche giusto rubare il portafogli per farsi mantenere, un popolo senza storia senza identità; a differenza dei Friulani, dei Siciliani, dei Sardi, a noi pare sia negato il diritto di considerarci un popolo degno di una pur minima autonomia. 

La chiesa veneta, la chiesa di San Marco, non può coprire simili nefandezze a carico dei suoi fedeli: deve continuare ad essere il nostro sostegno morale, specie oggi che stiamo lottando per la nostra libertà. In quale Vangelo sta scritto che i Veneti non possano autogovernarsi? Ce lo spieghi, Eminenza, noi siamo ormai alla disperazione, ogni giorno qualcuno si appende a una corda (Dio nella sua infinita misericordia, lo accolga al Suo fianco egualmente), non reggendo allo strazio di non poter dare un’avvenire ai suoi figli, o di dover licenziare degli operai con cui hanno lavorato fianco a fianco per tanti anni.

Ci sentiamo derubati di tutto, degli averi e delle nostre tradizioni, derise e negate. Non viene insegnata la nostra storia; lo sa Lei, Eminenza, che nelle Bocche di Cattaro, in Montenegro, insegnano nel licei del posto, 5 ore mensili di storia veneta? si rende conto? qui Voi sacerdoti veneti, non leggete neanche il vangelo di San Marco il giorno di San Marco, nelle parrocchie dell’entroterra! controlli, lei può fare una piccola indagine in merito. Che momento meraviglioso sarebbe, per noi, se invece ogni 25 di aprile le chiese tutte suonassero le campane a festa, e i nostri pastori ricordassero ai veneti le antiche vicende dell’evangelizzazione, del sogno di Marco in laguna con l’angelo che lo saluta:“Pax tibi Marce, qui sarai onorato nei secoli a venire e sarai sepolto!” .

pax tibi marceOggi apprendo con una certa commozione che in Vandea, dove Cesare un tempo incontrò i Veneti del posto, la diocesi ha disposto che vengano insegnate nelle scuole cattoliche le antiche preghiere ai santi protettori del posto in lingua bretone e francese. Ecco dunque, quello che può fare la chiesa Veneta: farci riscoprire l’antico patto tra Veneti e Dio, attraverso San Marco, con la nostra tradizione di fede recuperata e non più negata. 

Con rispetto, anche se non posso negare un profondo rammarico per le Sue dichiarazioni.


Millo Bozzolan

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico, Identità Veneta e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a LETTERA APERTA AL PATRIARCA

  1. Ben ha detto:

    Bellissima lettera del bravo Millo Bozzolan, all’ “eminenza” di Venezia!! Lettera scritta con rispetto, dignità, intelligenza. Ma dopo questo DOVUTO chiarimento “VENETO”,con queste persone che NON ci rappresentano, NON ci RISPETTANO, ma CI COMBATTONO, sarebbe anche ora di prendere le distanze. Da questi nostri DETRATTORI non ci dobbiamo aspettare niente di buono. La chiesa ormai non rappresenta niente, salvo se stessa e i suoi interessi. Il suo appoggio è diretto verso i poteri forti, cioè ancora se stessa, ai suoi interessi terreni (peccati abnormi e infami sono da sempre celati e nascosti dai papi che si sono succeduti negli ultimi 35 anni), la parte massonica nasconde le enormi manchevolezze, chiamiamole così, delle quali si macchia ogni giorno. Quindi, dopo questa DOVEROSA ed EDUCATA spiegazione, credo, che il rapporto dei VENETI con questa “gente” (falsa chiesa) non debba proseguire…Don Floriano è la VERA CHIESA..non certo il signor moraglia.

    Mi piace

  2. Eugenio ha detto:

    Caro MILLO aprezzo questa Tua lettera aperta a sua eminenza il Patriarca dei Veneti FRANCESCO MORAGLIA,ma permettimi di fare una osservazione,Ma sei sicuro che la Maggioranza dei cittadini VENETI ,Voglia Tornare ad AUTOGOVERNARSI? Visto che un Vero REFERENDUM non l’abbiamo ancora Fatto..HO Ci basiamo su un PLEBISCITO VIRTUALE ,IL VIRTUALE, è un po’ come lo SPIRITO (scusate il paragone blasfemo,ma era per fare capire)cè ma non si vede IO Sono come S.Tommaso ,non ci credo se non ci metto il naso ,ossia costato di persona .Nel senso certamente il nostro popolo chiede l’Autoderminazione ,ma non sappiamo ancora se siamo la Maggioranza Finche ‘non si fara un vero Referendum REALE. amen

    Mi piace

    • Schiro ha detto:

      Caro Eugenio, visto che sei come S. Tommaso perchè non fai codesta domanda alle persone che conosci? Io nel mio piccolo l’ho fatto e ti posso garantire che quel 90% c’è tutto! Buona fortuna.

      Mi piace

    • Renato Tessarin ha detto:

      La chiesa di San MARCO ,quella della Repubblica Veneta ,nei secoli ha al massimo convissuto con la chiesa di roma e non si è mai ginuflessa anche difronte alle scomuniche,la nostra fede è per antica tradizione CRISTIANA (ortodosso-bizantina) ma mai cattolica- romana – Credo Si confermera’ la tradizione che ci vuole con San MARCO a fianco della chiesa tradizionalista – San Marco non ci vuole vicini a Roma – la grande bestia e i suoi vescovi – gli stessi vescovi capitolini ,con le loro dichiarazioni ce ne danno conferma –

      Mi piace

  3. Vincenzo ha detto:

    Grazie Millo per la bellissima lettera scritta con il cuore , da parte di noi veneti. Non si può che essere d’accordo con te su tutto.
    Spero che il Patriarca si lasci illuminare sall Spirito Santo.

    Mi piace

  4. erik ha detto:

    Da quando in qua il patriarca di Venezia può non essere nato nelle terre si San Marco? Se c’era questa regola un motivo c’era…vorrei saper tanto chi ha messo fine alle nostre tradizioni religiose…

    Mi piace

  5. Paolo D. T. ha detto:

    Ringrazio Millo per la bella lettera. Quest’oggi , 29/4 ai vespri il parroco all’inizio fece un gran elogio alla santa del giorno, Santa Caterina patrona d’Italia. Ora la cosa m’ha messo un po’ di tristezza visto che si elogiava in tutti i modi il suo operato per l’unità dell’Italia, quando si è relegato in un angolo un evangelista. Feci allora un pensiero che qui vorrei condividere: Visto che il papa più volte s’è dimostrato controcorrente arrivando perfino a telefonare di persona a chi chiedeva un aiuto o una parola di conforto, perché non scrivere a lui una lettera a cuore aperto facendo notare le stesse cose he si son fatte notare al patriarca?
    Speriamo che San Marco ci assista in questi difficili momenti

    Mi piace

  6. Pingback: un veneto indipendente....tutto da guadagnare..ma proprio tutto - Pagina 92

  7. Pingback: La Chiesa contraddice Papa Giovanni Paolo 2° ? | Vivere Veneto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...