La Festa del Redentòr

di Anna Iseppon

medico della pesteNel 1575 la nostra capitale fu colpita da un’epidemia di peste tanto grave da provocare, nell’arco di due anni, la morte di oltre un terzo dei veneziani. Quando ogni sforzo umano attuato nel tentativo di fermare l’avanzare della pestilenza sembrò inutile, ai Veneziani non rimase altra speranza che rivolgersi a Dio per invocarne l’aiuto!

Fu così che il 4 settembre del 1576 il Senato veneziano diede ordine di costruire una nuova chiesa sull’isola della Giudecca, dedicata appunto al Redentore, facendo voto di recarsi solennemente in pellegrinaggio a tale chiesa ogni anno a perpetua memoria del beneficio ottenuto. Venne incaricato della progettazione della basilica il celebre architetto Andrea Palladio e nella primavera dell’anno successivo iniziarono i lavori.

ponte zattere redentoreIl 20 luglio 1577, dopo due anni dall’inizio dell’epidemia,  il Doge Sebastiano Venier proclamò la fine della pestilenza. Per consentirgli di recarsi all’isola della Giudecca vennero accostate più di ottanta imbarcazioni in modo da creare un ponte attraverso il quale il Doge  si recò al tempio in segno di devozione e ringraziamento per la passata paura.

Questi festeggiamenti, tra i più sentiti a Venezia (anche se ormai la connotazione religiosa si sta perdendo, lasciando spazio agli aspetti “pagani” della festività), si ripetono annualmente la terza domenica di luglio, da quasi 500 anni. Ancor oggi si continua a costruire anche l’imponente ponte votivo di barche, lungo più di 300metri, che collega le Fondamenta delle Zattere con il Campo del Redentore per consentire il pellegrinaggio a piedi alla chiesa.

redentore_fuochiLa notte del sabato che precede la festa, poi, ha luogo uno spettacolo pirotecnico meraviglioso, un caleidoscopio di colori che illumina il bacino di San Marco, le guglie, le cupole, i palazzi di Venezia per oltre mezz’ora ed attrae centinaia di migliaia di visitatori.  Tradizione vuole che le imbarcazioni, addobbate ed illuminate, comincino ad affluire nel Bacino di San Marco e nel Canale della Giudecca al tramonto, e che nell’attesa dello spettacolo pirotecnico si consumi, a bordo delle imbarcazioni, una cena a base di piatti tipici veneziani (immancabili le sarde in saor!)

Sicuramente la festa più importante e spettacolare del Veneto !

____________________

Tu ci sei mai stato alla “Festa del Redentore” a Venezia?

No?! E che cosa aspetti? 

Aaaah…forse aspetti l’occasione giusta! Allora segnati in agenda la data del terzo sabato di luglio… perchè quest’anno non si accettano scuse!

Quest’anno, alla Festa del Redentore, ci andremo insieme!  clicca ===>QUI 😉

(Clicca su qualsiasi delle foto dell’articolo per avere maggiori info)

Redentore-Venezia-Fuochi

Rimani in contatto con Vivere Veneto… troverai presto novità su questo grandioso evento di luglio!

Oppure Clicca ===>QUI

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico, Eventi e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a La Festa del Redentòr

  1. Carla MASOLA ha detto:

    CI SONO STATA….SEMBRA DI VIVERE IN UN’ALTRA EPOCA.

    Mi piace

  2. Pingback: Redentore…. All’Arrembaggiooooooooooooo !!! | Vivere Veneto

  3. Pingback: REDENTORE 2015 FACCIAMO FESTA! | Vivere Veneto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...