La Grande Guerra: un altro approccio….

di Benedikter Von Den Bergen

cimitero guerraA proposito della gloriosa guerra del 15-18, combattuta dai valorosi soldati italiani con sommo spirito di sacrificio e totale patriottica abnegazione, spesso, quel che appare ovvio, non è per niente reale, perché la realtà vera, a volte, è talmente sorprendente da non poterci credere.

Che la prima guerra mondiale fosse un affare sporco, come pochi altri, lo sapevano bene quelli che si son visti costretti a parteciparvi, a soffrire, a morire.  La “vittoria zoppa” di una guerra costata sofferenze indicibili, suonava male a tutti.  Gli italiani del dopoguerra hanno dovuto per forza trovarle una giustificazione patriotticache, seppure poco plausibile, era indispensabile per sopportare una condizione di vita talmente degradata che definire catastrofica sarebbe stato ancora poco.  L’illusione del patriottismo e il miraggio di un grande condottiero, avrebbero risollevato le sorti di un popolo privato di ogni speranza.

Fu così che i Veneti, come per incanto, divennero improvvisamente gli indomiti patrioti difensori del Grappa, del Pasubio e del Piave, tramandando ai posteri le gesta eroiche dei salvatori della patria italiana, dimenticando tutto ciò che era successo come se non fosse mai accaduto. Da una necessità sociale è nata l’epopea dell’alpino impavido e ardito, immagine ben diversa dalla realtà di poveri contadini, pacifici, spauriti e affamati, scaraventati in un inferno senza sapere perché e senza possibilità d’uscita.

Oggi potremmo valutare i fatti con maggiore obiettività se non fosse che certe motivazioni nelle scelte di allora sono, nostro malgrado, riproposte tali e quali seppure con diverse modalità e le spine di allora pungono e feriscono oggi più di ieri. Nonostante sia trascorso un secolo, ci troviamo nelle medesime condizioni dei nostri nonni, pervasi da falsità e oppressione, ma con l’ordine tassativo di “pensare ad altro”, di fingere un mondo diverso, costretti a credere che le cose non stanno come sono realmente ma come vogliono farci credere che stiano.

Valutando le cronache del primo decennio del ‘900 sul territorio veneto, appare verosimile inquadrare i fatti bellici del 15-18 come una esigenza dello stato italiano volta più a sedare e sottomettere le riottose province venete da poco italianizzate, che non alla conquista dei nuovi territori i quali, è bene ricordarlo, da sempre facenti parte dello stato austriaco e non, come la Venezia, territori autonomi sotto giurisdizione austriaca.  L’Italia era ben conscia della differenza e s’era visto pure in occasione della guerra del 1866, quando il Garibaldi, vittorioso alle porte di Trento, dovette retrocedere con il famoso “obbedisco!”.

Ormai tutti sono al corrente della proposta austriaca con la quale, pur di non aprire un nuovo fronte a sud, era disposta a cedere i territori di Trento e Trieste all’Italia, in cambio della neutralità, ed essendo per l’Italia, la “liberazione” delle due città, scopo e finalità ufficiale della guerra, non si spiega e non si capisce perché si sia sobbarcata un onere per lei insostenibile, per conseguire un risultato che avrebbe potuto ottene senza muovere un dito!

Ma il motivo c’era eccome!

Ripassando i giornali di inizio secolo, appare evidente che nelle Terre Venete le cose non andavano per il giusto verso!  Era tutto un susseguirsi di proteste, manifestazioni, insurrezioni, con conseguenti repressioni, rappresaglie, massacri, imprigionamenti, confische.

Gli “anni ruggenti” che fremevano in tutta Europa parevano portare un vento nuovo, favorevole ad una riscossa dell’indipendentismo veneto che vedeva l’Italia, già WW1-3in difficoltà venendo da 15 anni di guerra feroce nelle regioni del sud, versare in condizioni disastrate dopo le catastrofiche imprese belliche in Africa e nel Mediterraneo. Pareva a molti che non avrebbe superato il frangente e si sarebbe in qualche modo disgregata offrendo l’occasione agli stati preunitari di risorgere.  La fiscalità aveva raggiunto livelli insopportabili e la popolazione veneta, ridotta alla fame dal sistema impositivo e repressivo italiano, era sull’orlo della deflagrazione!

Alcuni leader veneti si stavano facendo strada e pareva che davvero mancasse poco ad un evento risolutivo che accendesse le polveri dell’insurrezione verso la liberazione.  Pareva mancasse un niente!

Ed invece, è scoppiata la guerra! Mobilitazione generale. Militarizzazione del territorio veneto. Divieto di assembramenti. Legge marziale! Confische su larga scala!

La condotta della guerra da parte italiana spiega molte cose circa le reali intenzioni dei politici romani ai quali, più che colpire gli Austriaci, interessava “dare una lezione” ai poveri disgraziati ridotti sotto al loro comando.  Come proclamavano allora re, generali e ministri: fatta l’Italia si dovevano fare gli italiani!

Una guerra con tattiche assurde finalizzata al massacro delle proprie truppe per “educarle”.

Le scene assurde viste nel film “Uomini contro” sono successe veramente!  I soldati “austriaci” parlavano veneto e urlavano agli italiani di non farsi ammazzare!!!  le decimazioni erano pratica usuale come lo erano gli assalti impossibili ripetuti fino all’ultimo uomo, o i plotoni di carabinieri che sparavano alle ultime file per indurli ad avanzare.  Una carneficina assurda e inspiegabile.

Ma non solo, e veniamo al punto centrale della questione. Negli anni della guerra è stato possibile portare avanti con estrema efficacia e senza alcun disturbo il piano di pulizia etnica nelle Terre Venete iniziato nel 1870 e mai sospeso. Interi paesi, non interessati alle operazioni del fronte, con azioni militari (e pertanto segrete!) sono stati completamente svuotati della popolazione civile, procedendo con la fucilazione immediata di chi opponeva resistenza.  Decine di migliaia di Veneti strappati con la forza dalle loro abitazioni e abbandonati in numerosi “campi profughi” disseminati tra Calabria, Sicilia, Campania, Puglia. Abbandonati a sé stessi con poche possibilità di sopravvivenza, senza mezzi, nell’assoluta impossibilità di poter far ritorno alle proprie case.

Questa “operazione” non figura ufficialmente da nessuna parte.  Ovvio!  E’ difficile credere che uno stato possa comportarsi in maniera così barbara a danno dei propri cittadini, è stato sufficiente far sparire ogni riferimento ed è come nulla fosse accaduto.  Ma!  Purtroppo per loro, sono rimaste le prove. Prove inconfutabili alla portata di chiunque: è sufficiente una ricerca di cognomi tipicamente veneti attraverso i siti specializzati;  e poi chiedersi come si spieghi la presenza di così numerosi Veneti nelle regioni del profondo sud. Ebbene, sono i discendenti dei sopravvissuti alla deportazione del 15-18!  Persone inermi gettate in luoghi impervi, abitati da gente che parla lingue incomprensibili, ridotte nella più nera miseria. Un inferno forse più terribile di chi pativa il terrore del fronte.

E’ comprensibile se di quelle vicende siano rimaste ben poche memorie nei protagonisti, ed è un dovere per noi commemorare quei nostri fratelli martiri della Patria, vittime di uno stato feroce, senza pietà e senz’anima, avido del possesso, sprezzante della dignità, causa di immani sofferenze.

Una breve considerazione finale : le condizioni attuali sono MOLTO simili alle condizioni di inizio XX° secolo.  Come allora, fame e miseria.  Oppressione di uno stato incapace a risolvere i problemi.  Malcontento nella popolazione.  Venti di novità e di speranza che giungono da lontano.    Movimenti indipendentisti in attività….

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico, Identità Veneta. Contrassegna il permalink.

4 risposte a La Grande Guerra: un altro approccio….

  1. Mario ha detto:

    A leggere il primo paragrafo sembra di sentire le parole di Zaia a proposito di Vittorio Veneto. Eroi … invasori … identità italiana …
    Della serie: per svegliare le coscienze

    Mi piace

  2. Ben ha detto:

    cosa posso dire di questo stato infame, imbroglione e assassino che ha mandato a morire migliaia dI giovani VENETI al fronte (1915-18), del Pasubio, del Grappa…per difendere I CONFINI della “madre patria” (mai fu così sporca questa affermazione immonda!)..tra cui mio nonno , 25 anni, si 25 anni…disperso sui monti del Pasubio per difendere OBBLIGATORIAMENTE questo infame FINTO stato di parassiti, lasciando 3 figli e la moglie (mia nonna)….adesso questo schifoso stato ha lo spudorato coraggio e imbecillità di festeggiare questa repubblica ormai in disfacimento, in fase di metastasi finale..e nel contempo MANDA L’ ESERCITO E LA MARINA A PORTARE DENTRO L’ INFETTO INVASORE, che ci odia, che ci porta malattie infettive, che manteniamo senza che lavori e non produca niente…le stesse case , frutto del nostro lavoro vanno date a questi invasori a scapito delle famiglie italiane….hanno distrutto l’ economia, le scuole, la sanità, IL FUTURO dei nostri figli, STE CA4OGNE MA55ONIche CATTO-COMUNISTE…eppure gli itag-idioti VOTANO PD, votano per la distruzione di una (falsa nazione) entità che in qualche modo era diventata la 5° potenza del mondo (con il lavoro dei veneti specialmente)…mi chiedo: MA COME E’ POSSIBILE CHE NON SI COMPRENDA CHE CI STANNO AMMAZZANDO? Spero in una rivoluzione potente, estrema,perchè non credo nella soluzione DEMOCRATICA..NON PUo’ esistere con gentaglia come i cattocomunisti…

    Mi piace

  3. Eugenio ha detto:

    Ricordando OGGI la 1 GUERRA MONDIALE,Si puo’ valutare piu’ realmente come è stata .è perchè lo Stato Italiano è entrato in GUERRA,nonostante che gli Austriaci ,erano disposti a farci delle Concessioni ,per tenerci Fuori , per non aprire un altro Fronte. Furono i nascenti Gruppi INDUSTRIALI ,come la Montedison,la Fiat,ecc.. a fare Pressione sul RE Per entrare in Guerra di cui fecero notevoli affari.Certamente il Popolo Veneto fu il piu’ colpito ,visto che la guerra si svolgeva sul suo territorio,diversi paesi distrutti,uomini mandati al fronte ,e campagne ,prive di lavoratori,famiglie ridotte alla fame .una cosa del genere ,non si era mai vista ,nella storia della nostra Republica.Certamente non furono le manifestazioni degli Universitari piccolo borghesi ,a favore della GUERRA a condizionare il RE.come in passato ci volevano fare credere.OGGI ,invece lo Stato Italiano ci propone una altra BALLA sulla 1 Guerra Mondiale ,attraverso la Televisione ed i vari Giornali ,ossia che la guerra è successa perchè non c’era L’Europa Unita ,E perchè non avevamo una moneta comune..insomma la Verita’ non la diranno MAI! è un po’ come la storia dei 2 Maro’ Italiani ,che quando erano tornati a casa ,furono Rispediti indietro su Pressione al Governo dai alcuni Gruppi INDUSTRIALI ITALIANI ,come L’AUGUSTA ecc per paura di perdere le oro ordinazzioni i loro AFFARI…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...