UN ANELLO DAL PASSATO…. PER CONDURCI AL FUTURO !

di Guidotin

Un breve racconto per spiegare come  il…”caso”  possa contribuire a dissipare l’ignoranza perché “Nulla è più terribile dell’ignoranza attiva” (J.W. Von Goethe).

Anello“Ti con nu, nu con ti”… “è sicuramente una frase d’amore”, ….pensavo mentre ne scrutavo l’incisione all’interno dell’anello appena rinvenuto fra le rocce.  L’ho visto luccicare, poco prima di calpestarlo durante una camminata sul Monte Grappa.  Esternamente decorato elegantemente con, al centro, una…croce a braccia tonde all’interno di un cerchio.

Ho subito pensato a come sarebbe stato possibile rintracciarne il proprietario che, a giudicare dalla frase, probabilmente doveva esserne affezionato. Non tanto quindi per il valore materiale (sicuramente non è d’oro) quanto per il valore simbolico. Chissà da quanto tempo giaceva seminascosto fra i sassi…

L’ho indossato e mi stava a pennello. Il taglio sul metallo mi ha fatto immaginare che il possessore non riuscendo più a toglierselo fosse stato costretto a segarlo per estrarlo dal dito ma perché privarsene se il messaggio d’amore riguardava lui e, forse , la sua amata? Ho, come avrete capito, la attitudine ad…immaginare, a sognare, a fare congetture. Forse, conclusi, l’avranno voluto recuperare i suoi cari…forse è morto…

A casa, la sera, non riuscivo a smettere di esaminarlo. Son fatto così : finché  non soddisfo la mia curiosità non sto bene! Così non ho voluto rimandare ed ho cominciato ad armeggiare con il pc.  Internet per chi è portato all’approfondimento e alla scoperta è un pozzo senza fine…

E’ bastato digitare “Ti con nu, nu con ti” perché si aprisse, davanti ai miei occhi, un mondo…nuovo…in realtà antico ma nuovo per chi come me deve ammettere la sua abissale ignoranza sui fatti storici, quelli documentati, non inventati o strumentalizzati da chi ne ricava dei benefici! A scuola ho dovuto lottare aspramente contro il mio rifiuto per la storia! Cercavo in tutti i modi di giustificare il mio disinteresse e, una volta, sono addirittura stato premiato con un bel voto per avere spiegato con una qualche…coerenza il perché non volevo saperne!

Dopo avere scoperto il significato di quella frase…perastochi l’aveva pronunciata con la voce rotta dal pianto e in che occasione, mi sono sentito schiacciare il cuore dalla vergogna ed ho visto passare davanti ai miei occhi una vita, lunga per le mie spalle, vissuta in una…”nube di non conoscenza”, pilotato, nelle mie scelte, dalla verità altrui.

Una verità manipolata  dalla propaganda e dalla scuola italica per evitare accuratamente di dissipare quella…nube!

Il rischio, quando ciò accade, è che si manifesti una reazione di ribellione e la volontà di recuperare la dignità perduta, le proprie radici, il proprio ruolo e soprattutto il rischio che si intravveda una via di uscita e di fuga dalla prigione in cui ci siamo dibattuti, responsabili di avere partecipato inconsapevolmente alla nostra condanna, il rischio che si recuperi la speranza in una libertà data per perduta.

Un rischio simile non se lo può permettere chi detiene il potere e qualsiasi nefanda azione, mascherata da giustizia, deve mirare a far sì che l’ignoranza venga mantenuta per disporre non solo del corpo (strumento da sfruttare perché serve a produrre) ma anche dell’anima la cui forza deve essere talmente fiaccata dallo sfruttamento da perdere ogni capacità di reagire.

Ogni ricordo, ogni evento storico va trasformato, dimenticato, spogliato della sua forza di risvegliare il bisogno di tornare ad essere chi veramente  siamo… Poi…capita un imprevisto, un apparentemente banale ritrovamento che stimola la voglia di sapere ed è la inaspettata chiave con cui aprire la porta dietro la quale si scopre che esiste ancora un orizzonte e che è ancora luminoso e che verso di esso possiamo dirigerci e indicare ai nostri figli la via…Un piccolo anello trovato non per caso, ne sono convinto!

In quei giorni mi chiedevo quale via intraprendere per riuscire
a sopravvivere al momento buio che stiamo attraversando.

Non riuscivo a darmi una risposta, un senso di impotenza mi attanagliava, mi indeboliva.

“Ti con nu, nu con ti” è diventata la parola magica per aprire uno scrigno, ben nascosto e bene protetto, che conteneva tutta la storia, quella vera, del mio popolo.

risveglio leoneLa mia voglia di sapere di più è diventata insaziabile. Devo recuperare il tempo perduto (tanto!), devo sentire nel mio cuore una forza nuova, una voglia di riscatto che guidi le mie azioni, senza fanatismo ma con un desiderio di giustizia che ricollochi le “cose” al loro posto. Da lì partirà il nuovo viaggio verso la libertà.

Ora che ho aperto veramente gli occhi non posso piu’ smetter, non posso ignorare , non posso esimermi dall’informare e dall’aiutare altri Fratelli Veneti  sulla via del Risveglio e della presa di coscienza  sul fatto che :

NON SIAMO ITALIANI, SIAMO VENETI !

______________________________________-

dalla Redazione di Vivere Veneto :

Avremmo ora intenzione di  ricostruire la provenienza di questo Anello dunque ringrazieremo chiunque volesse segnalarci nomi e persone che possano avere informazioni riguardanti la storia e la provenienza di tali simboli.

Grazie

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico, Identità Veneta. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...