ELEZIONI PROVINCIALI ED INDIPENDENZA – UN PRIMO RISULTATO

di Anna Iseppon

provinceQualche giorno fa abbiamo pubblicato un articolo riguardante un’interessante iniziativa di Indipendenza Veneta in occasione delle elezioni provinciali dello scorso 12 ottobre [clicca qui per andare all’articolo]. Elezioni che – come già ricordato – hanno coinvolto ben 5 province Venete su 7 (escluse Treviso e Venezia).

Sono stati chiamati al voto i Sindaci ed i Consiglieri dei Comuni situati nel territorio provinciale, per eleggere… Sindaci e Consiglieri comunali stessi a formare i nuovi consigli provinciali. Amministratori che si autoeleggono, la  casta che vota la casta stessa, con buona pace della sovranità popolare e della democrazia!

I potenziali elettori attesi ai seggi nella giornata di domenica erano oltre 5.600 (i votanti sono stati 5.141) – tutti amministratori locali appunto – che potevano essere facilmente contattati ed informati in merito al Referendum istituzionale sull’indipendenza del Veneto. Lo scopo?  Invitarli ad informare a loro volta i propri cittadini su questa importante possibilità di espressione per i Veneti, e sulle modalità di versamento sul conto corrente regionale finalizzato all’indizione del referendum stesso.

maxvidoriVi riportiamo la dichiarazione di Massimo Vidori, coordinatore di Indipendenza Veneta per l’area dolomitica, relativamente ai risultati ottenuti con questa iniziativa in provincia di Belluno:

«Approfittando della convention elettorale riservata a Sindaci e consiglieri, Indipendenza Veneta Dolomiti ha letteralmente presidiato l’ingresso dell’unica sede di voto prevista per tutta la provincia: palazzo Piloni a Belluno.

Dalle 8 alle 20 (col fondamentale aiuto delle aree vicine, Quartier del Piave e Vittoriese) si sono avvicinati i “grandi elettori” consegnando loro materiale informativo sul percorso indipendentista, ma soprattutto la richiesta di allegare alla prossima lettera spedita ai propri cittadini gli estremi per effettuare il versamento per la costituzione del fondo per il referendum, come previsto dalla legge 16.

kit sindaciCapillarmente, arrivando sino agli amministratori dei piccoli comuni di alta montagna (Zoppè di Cadore, quasi 200 abitanti!), si è parlato di Indipendenza del Veneto, evidenziando i nostri argomenti e invitandoli alle prossime serate. Alla fine abbiamo raggiunto oltre 600 amministratori: l’84% del totale in provincia! Non tutti erano interessati, ma quasi tutti han portato con sè il materiale informativo e molti si sono soffermati per un confronto.»

Al momento non abbiamo informazioni su quanto avvenuto nelle altre 4 province al voto, ma ci auguriamo che i risultati siano sovrapponibili a quanto fatto in provincia di Belluno. Invitiamo chi avesse informazioni in merito a renderci partecipi in modo da poterle condividere con tutti i nostri lettori.

Siamo certi che anche questa iniziativa porterà frutto per la nostra causa comune, avvicinando più persone all’istanza indipendentista. Grazie.

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Blog Pubblico e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...