LE CASALINGHE NO SE POL TASARLE, FIN QUANDO?

De Alberto Venezianosuffragette

Me son sempre domandà: a che prò inventarse e difonder el feminismo nei primi del novecento? Ma chi elo stà?

Fasendo deventar “lavoratrici” anca le done de fameia, (come se prima le stese tut el dì a gratarse) e pagandole, la “platea” de consumatori la aumenta, (i boce già i lavora ma no i spende). Se le done le ciapa schei e li spende se mète in moto el “circolo virtuoso”, la publicità la trova novi target, le merci le dilaga, el sistema economico ghe ne trae beneficio, LA GRAN RODA LA GIRA!

Qualche controindicasion la ghe n’è, calcosa che no va. Se tende a desfar la dificile aleansa fra omo e dona e se sostituise la fameia-impresa, società a due, con un numero imprecisabile de consumatori sparsi. Se esautora e se sminuise el “pare de fameia”, amministratore delegato (de faciata) l’”orendo patriarca”, quel pare che, co un stipendio, el procura schei suficienti  par le spese intant che la moglie la produse in casa beni e servizi che no ocore comprar.

Entrando tante lavoratrici nel mercato del lavoro, se inflasiona la forsa lavoro,i stipendi i se riduse sempre de pì fin a rivar ala moderna fameia composta da do sfigadi che, co do stipendi,i fa fadiga a mantegnerse pur sensa far fioi.lavoratori

Se molze ala granda el produtore-consumatore deventà schiavo del sistema, el “mercato trionfa”, come che dirie sarcastico un marxista.

Ma semo proprio sicuri che sti sconvolgimenti i sia fruto dela società capitalista? Del libero mercato? Mi proprio no.

El mercato, la so man invisibile, no l’à progetti, no ‘l segue piani, l’è la somma de tut un caos de individui che interagise tuti co tuti in competision o in colaborasion. Cusì el mercato el funsiona e el se autoregola da sempre. No pòso pensar che le “azioni umane” de miliardi de persone le sia responsabili de na ideologia cusì devastante come el feminismo.

La spiegasion, secondo mi, la è n’altra e de sti tempi la è evidentissima. Tut el deriva NON dal libero mercato, de cui, peraltro, ormai l’è restà solo tracce, ma dal stato collettivista burocratico, lo stato sociale, l’è lu l’nventore del feminismo trionfante. El sistema organizà dala politica dei partiti, come el crimine organizà dele bande, a diferensa del libero e caotico mercato, l’à un scopo: tegner tut soto controlo el più posibile e lucrar su tut quel che sucede co el strumento principe: el sistema fiscale.

Se la metà dei citadini lavora” e el stato deruba par “distribuir” e sperperar (no ‘l sa far altro) metà stipendio dela metà che lavora lo stato gestirà el 25% del Pil. Ma se se ragiunge la “piena occupazione” e el stato sgrafigna la metà de tuti i stipendi, el gestirà el 50% del Pil. Zontandoghe l’iva e schifese varie lo stato deventa el gestore magioritario e monopolista, el spadronegia e ‘l distribuise quel che ‘l vol ai so dirigenti e via via a tutti i “insider” a spese de tutti quei che i resta “outsider”.

El vero nemico del stato, le ultime guerrigliere indomite le è le libere casalinghe. No esendo el so lavoro tasabile, par ora, no ghe n’è altro modo de combaterle che dispresandole pubblicamente come che sempre se fa. L’ideale par i burocrati, quei che veramente dirige la baraca, sarie far “emergere” el lavoro casalingo obligando le lavoratrici domestiche a prestar la so opera fora de casa, ognuna in casa de altri fasendo fatura e quindi dichiarando redito tasabile.casalinga

Che i lo fae? Dopo el controlo capilare de tute le tranzasion e de tuti i conti corenti se pol spetarse anca questa. I podarie inventarse patenti e patentini obbligatori par l’uso dei elettrodomestici, corsi obbligatori par tirar su i fioi, mamme da certificare ISO 9001 …
Che le resiste ste casalinghe? La è dura, speremo ben.

P.s. Lo so anca mi che esiste anca i casalinghi ma la sarie stata solo na complicasion citarli ogni volta.

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...