PENSIONATO?? ANCORA PER POCO…

L’INPS sotto i ferri..a breve il verdetto della Corte Costituzionale.

Di Erica Bonello

forneroSembrerebbe il dato definitivo, ebbene si, il buco nelle casse dell”INPS è stato di circa 12,8 miliardi nel 2013…euro più…euro meno. Nonostante le infinite lacrime della signora Fornero, nonostante i suoi continui ritocchi, il problema non si è risolto, anzi, sembra peggiorato. Fondamentalmente il motivo è che in Italia ci sono 21,8 milioni di contribuenti e 21 milioni di pensioni da pagare, insomma un rapporto 1 a 1; molte categorie stanno soffrendo, così tanto da non riuscire a pagare i contributi: Artigiani, coltivatori diretti, commercianti, anche la cassa delle Ferrovie dello Stato è svuotata, a causa della privatizzazione, insomma, in attivo resta la cassa dei dipendenti del settore privato e dei precari. Peccato che quest’ultime siano già svuotate, in quanto le casse dell’INPS funzionano come vasi comunicanti ed i soldi scivolano da un conto all’altro.

Patta CIV INPSLe pensioni sono state pagate quest’anno grazie all’intervento dello Stato che ha donato all’ente previdenziale ben 21 miliardi……… «Ma al ritmo di una perdita media di 12 miliardi di euro l’anno, lo Stato sarà presto costretto a mettere nuovamente mano al portafogli per evitare che il patrimonio finisca sotto zero», commenta Patta, membro del Civ, il consiglio di indirizzo e di vigilanza dell’Inps, che a inizio settimana ha parlato con il nuovo commissario, Treu, elencando le problematiche dell’Istituto.

La proposta iniziale era quella di attingere dalle pensioni più elevate i soldi necessari per saldare o per lo meno rimpinguare un po’ le casse quasi svuotate, ma questa mossa è stata dichiarata illegittima dalla Corte Costituzionale, impegnata in questi giorni nel decidere per la legittimità della legge Fornero, legge che è stata messa in discussione dalla Lega Nord capitanata da Salvini. Il rischio rimane che, date le premesse, la decisione sia dettata più dal fatto di preservare il sistema che per una vera e concreta motivazione. Voci di corridoio fanno intendere che l’esito più probabile è che i giudici optino per un giudizio di inammissibilità del quesito, l’appiglio che verrebbe usato dalla Consulta per rigettare il referendum, infatti, è quello che vede, a norma dell’articolo 75 della Costituzione, l’impossibilità di sottoporre le leggi di bilancio a consultazione popolare (anche se in realtà si trattava del decreto salva Italia, e non della legge di stabilità).

Il verdetto è stato spostato al 20 gennaio 2015….attendiamo tutti trepidanti!!!

Pensionato, non è la paura dei cambiamenti che ti preserverà dalla povertà, ma la tua speranza di riuscire a ricucire ormai questa coperta, così corta e strappata…ma non lo vedi? Viene tirata da una parte per la sanità e lascia scoperti i fondi per l’istruzione , vengono stanziati 80 euro per gli stipendi minimi e aumentano le tasse, le tasse aumentano e le partite iva faticano a pagare i contributi….

Non ci sperare…è ora di cambiare!

……

se ti interessa….

se vuoi: Leggi ancora____________________________

PENSIONI ITALIANE, ANCORA PER POCO, NON CI SON SOLDI

(leggi, clicca Qui)

_________________________________

SOLO INDIPENDENZA POTRA’ GARANTIRE LA TUA ATTUALE PENSIONE (E FARLA CRESCERE 😉 )

(leggi, clicca Qui)

_________________________________

FALLITALIA SI E’ GIA’ MANGIATA TUTTI I TUOI CONTRIBUTI DUNQUE …..

(leggi, clicca Qui)

_________________________________

Per riassumere ===> clicca QUI

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

5 risposte a PENSIONATO?? ANCORA PER POCO…

  1. Pingback: L’ergastolo delle pensioni | Vivere Veneto

  2. Pingback: Pensioni accompagnatorie per gli anziani? | Vivere Veneto

  3. Pingback: Contributi dei lavoratori, dove finiranno con Indipendenza del Veneto? | Vivere Veneto

  4. Pingback: Vogliamo il Deserto in Veneto ? | Vivere Veneto

  5. Pingback: VENETI PENSIONATI | Vivere Veneto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...