VIOLAZIONE DE DOMICILIO

De Alberto Veneziano

proprietà-privataDa boce se era saggi, sensa saverlo, parché se scoprìa la LEGGE, quea vera, e se imparea a rispetarla. Se, durante na discusion al limite dea barufa, magari par un gol controverso, un el pensea de rinforsar i so argomenti alsando le man, bastea dirghe “tien le man a casa tua!”, co decision, lu el capia, tuti capia l’era la LEGGE.

Me ricordo de chea volta, che par recuperar el balon in te na terassa a piano tera, ò scavalcà el parapeto e me fradel el me à vist. Mama mia! Lu l’avea tredeze ani e mi nove, ma ‘l me à fat na predica! E in ultima el me à dita “Guai a ti! Te à infranto la Legge! Quel che te à fat se ciama “Violazione di domicilio!” Te va in galera par na roba cusì! Sul serio, l’era tremendo, e infati dopo l’à studià legge.

Domicilio, da “domus”, casa, e “cilium” come celare, sconder. Luogo privato per eccellenza che el rapresenta na emanasion del vero domicilio inviolabile, la persona. Le to man, tut quel che pol vegner fora da “casa toa”, no le pol invader la casa de chealtri. Le to man, nude o armade, ma anca el to sas, el to baston, la to palotola no le pol invader el me domicilio. Questa la è la LEGGE.

Da chea volta ghe n’ò sentì de tuti i colori, un dì si e un dì no vien fora na “legge” nova, “decreti” “mandati” “ordinanze”, ciacole, “etica” un tant al chilo, se vol regolamentar qualsiasi roba ma de LEGGE, quea vera no se sete pì parlar. La LEGGE, quea vera la è sempre la stesa: tien le man a casa tua, no sta invader l’altrui domicilio, ma no la è pì de moda, la è stata sostituida dala “legislazione”, magari de emergensa.

Epur, par esempio, a proposito de inquinamento, Smoggy Mexico City Streetno dovarie eser dificile stabilir che la “to” fuligine, le “to” polveri sottili, la “to” diosina no le à dirito de sporcar i pomodori del me ort o i me alveoli polmonari, questa la sarie la LEGGE e tuti i la capirie.

No i parla pì de Taranto, fra le tante, ma qando eo che i se à acort, lavia, che qualchedun l’era drio invader el domicilio privato de mileri de citadini? Sinquanta ani fa, i se à acort, quando che l’Italsider la è stata costruida. La era azienda de stato, alora, la produzea aciaio e la molea in giro “benesere” e agenti inquinanti, tut insieme.

I pomodori e i alveoli dei confinanti i è stati da subito invasi e violentadi, ma ghe n’ereo na Giustizia dove andar par aver un arbitraggio onesto? No, no la ghe n’era. Ghe n’era i tribunali de stato che na volta interpeladi i à proclamà la superiorità dell’”interesse nazionale”, eco cosa che i ha risposto a chi che protestea. “La nazione ha bisogno di acciaio”, la à decretà la “giustisia”, e chi che nol vol capirla el se porte i so pomodori e i suoi alveoli da n’altra parte.

Sarie bastà usar la LEGGE, difender la proprietà privata dae agresion, imporghe all’aggressore, in nome dea LEGGE, de fermar o almanco de ridur, pagando par el disturbo, le emision. Di fronte a na “class action” seria (oviamente vietada in Italia), le fabriche de qualsiasi tipo, la avarie avù davanti do posibilità: serar botega, se el zogo no val, o investir in sistemi par l’abatimento dele emision, ma da SUBITO, no co 50 ani de ritardo.

Ma de chi eree tante fabriche chea volta? Del stato imprenditore, e de chi ereo el giudice? Del stato giustiziere, do parenti streti. Invese de applicar la LEGGE, proclamando l’inviolabilità del domicilio altrui, alveoli o pomodori che i fosse, el “giudice” de stato che volta l’à scelto la ideologia da “stato etico”, stato che decide par el ben dei citadini che dize “prima l’interese nasionale e dopo i diriti de proprietà” e cusì semo andati avanti par sinquanta ani avelenando tut el posibile.

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

Una risposta a VIOLAZIONE DE DOMICILIO

  1. Vincenzo Testini ha detto:

    Beo e ciaro…Bravo!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...