Spunti interessanti da Rosà…

di Claudio Anguro

Martedì sera presso il teatro Montegrappa di Rosà è stato proiettato il Leone di Vetro del regista napoletano Salvatore Chiosi.
Oltre 150 persone hanno assistito alla vera storia dell’annessione del Veneto all’Italia e poi al dibattito tra Davide Lovat, storico, autore de “Lo stato dei Veneti” e di un nuovo libro sul Congresso di Vienna in uscita a breve e Gianni Zen, ex parlamentare e dirigente scolastico del Liceo Brocchi di Bassano.

Il dibattito, sempre cavalleresco anche se acceso, ha affrontato da diversi punti di vista gli stimoli emersi dalla proiezione del film, con numerosissimi interventi dei presenti in sala.

Alcuni punti che ci preme sottolineare.

1 – Lovat ha proposto un’osservazione che merita una riflessione e che riproproniamo tale e quale: la figura femminile, che emerge dal film, si avvicina molto più agli stereotipi della donna del meridione, dal quale proviene il regista, che a quella Veneta.

2 – Uno dei produttori del film, presente in sala, Alessandro Centenaro, ha annunciato l’intenzione di produrre il seguito del film dal punto in cui si è interrotta la storia con la partenza verso la Merica di Spartaco Biasin. A questo punto lanciamo la proposta che i dialoghi si svolgano completamente in lingua Veneta perchè onestamente sentire i protagonisti parlare in una lingua completamente estranea al contesto storico risulta stridente (prefetti permettendo…).

John Waine locandina-sentieri-selvaggi3 – Uno spettatore ha lamentato il fatto che il film sia spudoratamente di parte. Potrebbe anche essere….ma facciamo un paragone: per cinquant’anni ci hanno fatto vedere John Waine massacrare indiani sanguinari  e Rin Tin Tin azzannare i feroci pellerossa tagliatori di scalpi; poi è arrivato Balla coi Lupi di Kevin Costner e ha fatto vedere che la storia era ben altra. Balla coi Lupi è allora spudoratamente di parte?

4 – Ultima considerazione, la più imporate: la serata è risultata mille volte più utile ed efficace di quelle in cui partecipano persone già convinte e consapevoli delle tesi indipendentiste. Per questo lanciamo l’idea di fare più spesso incontri in cui ci sia un contradditorio tra relatori di diverso orientamento perchè è solo così che persone dalla mente aperta e oneste intellettualmente possono avvicinarsi allo spirito che ci accomuna.

In tal senso vi invitiamo a fare il possibile perchè il Leone di Vetro venga proiettato nei vostri paesi magari nei cineforum estivi.

 

Questa voce è stata pubblicata in Attualità. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Spunti interessanti da Rosà…

  1. ivano ha detto:

    bisogna trovare el sistema par aver la pellicola a pochi skei e farla vedare a pì gente posibile…

    Mi piace

  2. Pingback: un veneto indipendente....tutto da guadagnare..ma proprio tutto - Pagina 119

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...