24 Maggio 1915 – 2015 : LUTTO, non Festa

Lettera Aperta da Veneto Łión a tutti i Sindaci della “Regione del Veneto”

[riceviamo e pubblichiamo]

LETTERACaro Sindaco,

questo anno di grazia 2015, che ci riporta, per i 100 anni trascorsi, agli orrori ed ai lutti della Prima Guerra Mondiale, dovremmo tutti raccoglierci in meditazione e, per chi ha la fortuna di credere, in preghiera.

Molti milioni di uomini sono morti in quella che Papa Benedetto XV ha riconosciuto e denunciato essere l’inutile strage. Pregare per la nostra anima, per alleviare l’eterno soffrire di quei giovani che con vesti diverse sono atrocemente morti chiedendo aiuto allo stesso Dio.  Riflettere per capire, per conoscere e maturare una seria cultura di pace e di rispetto, di lealtà e di verità.

Ritornare con la mente al 1915 ed alle terrificanti conseguenze della dichiarazione di guerra lanciata dal Regno d’Italia contro l’Impero Austro-Ungarico è doveroso, e va fatto con quella compostezza che ci pervade quando andiamo a trovare i nostri cari in cimitero.

memoriaTutti i popoli del mondo hanno elaborato delle simbologie per manifestare e quindi esternare, condizioni interiori, sia individuali che collettive, ritenute meritevoli di rispetto, il lutto fra tutte.  La bandiera a mezz’asta,  i balconi socchiusi, il nastro nero al braccio  sono segni di sofferenza che sicuramente ben si addicono a commemorare degnamente quei giovani infelici  privati della vita a seguito di quella sciagurata “dichiarazione di guerra” di 100 anni fa, e per ricordare altrettanto degnamente i lutti e le immense sofferenze patite dalle popolazioni.

Poco conta se qualcuno ritiene che l’inizio di una guerra sia positivo per i lauti guadagni goduti da alcuni. UNA GUERRA NON E’ MAI UNA BUONA COSA! Una guerra è immorale per definizione, in se stessa. Non si celebra l’inizio di una guerra. Non si festeggia l’inizio di una guerra di aggressione. Si può celebrare la vittoria di una guerra perché è l’inizio di una pace, ma mai l’inizio di una guerra.

Lo Stato Italiano nel 2015 ha dato ordine agli Enti territoriali,   – e quindi anche ai Comuni veneti – ed a quant’altri sotto diretto gerarchico controllo di esporre il tricolore il 24 maggio 2015, giorno di entrata in guerra. L’esposizione della bandiera dello Stato Italiano, ritta sul pennone, rientra fra i segni esteriori attraverso i quali lo Stato Italiano vuole manifestare ed attestare gioia ed orgoglio per un determinato fatto del quale il giorno dell’ostentazione vi è ricorrenza. Tale disposizione dell’attuale Governo dello Stato Italiano ci lascia sbigottiti ed offesi, quasi increduli. La schizofrenia ridanciana dello Stato Italiano con l’ottimismo ad oltranza e  l’incosciente nazionalismo da “curva sud”  insulta la storia, insulta i lutti ed il dolore ed insulta i ricordi ed insulta ed indigna noi Veneti assieme a tutti i popoli che finalmente affratellati formano l’Europa.

tricolore insanguinatoCome può vivere un Austriaco, uno Slovacco, un Ceko, un Bavarese, uno Sloveno, un Tirolese, un Veneto, un Polacco, un Friulano, un Siciliano, un Toscano, un Bosniaco, un Sardo, un Ligure, un Galiziano, un Croato, un Ungherese il “festeggiamento” dell’inizio di una guerra fratricida dichiarata a tradimento? Quei popoli che spesso erano già allora fratelli, e che sono stati per scelta non loro nemici in trincea, ora sono fratelli, e vogliono costruire la pace. Il fallimentare Stato Italiano, invece, vuole rinverdire lo spirito della retorica di quella guerra nel puerile progetto di creare e consolidare un triste nazionalismo che non appartiene, e mai è appartenuto, ai popoli della Penisola.

In altri tempi, o forse con altri soggetti, tanto scellerata disposizione del Governo dello Stato Italiano avrebbe generato serie conseguenze internazionali. Se ciò non accadrà sarà solo a ragione del fatto che le Cancellerie degli Stati offesi dall’agire del Governo Italiano avranno la maturità di capire che tali manifestazioni di irresponsabile infantilismo sono una malattia cronica dello Stato Italiano.

Il Popolo Veneto ha una lunghissima tradizione di pace e convivenza con gli altri popoli d’Europa e della Penisola, il Popolo Veneto NON PUO’ FESTEGGIARE L’INIZIO DELLA GUERRA DI AGGRESSIONE che tanto lo ha dissanguato e devastato.

Invitiamo tutti i Sindaci e gli Amministratori locali del Veneto a non esporre il tricolore il giorno 24 maggio 2015 o, quantomeno, qualora loro temessero ritorsioni da parte dello Stato Italiano, ad esporre la bandiera veneta, il gonfalone veneto, listata a lutto.

lutto venetoInvitiamo gli uomini  e le donne Veneti ad esporre il gonfalone veneto, la bandiera veneta,  listata a lutto, ed a vestire il segno del lutto a memoria dei nostri morti e di tutti quelli che dal 1915 al 1918 hanno lasciato la vita in una guerra che si poteva tranquillamente evitare, che si doveva evitare. Valga questo anche come atto di solidarietà e di scuse formali da parte del Popolo Veneto nei confronti di tutti i popoli d’Europa coinvolti nell’inutile massacro della guerra ed offesi dall’insipiente agire del Governo dello Stato Italiano.

Veneto Łión – 22 Maggio 2015


Si fa presente che gli autori ed i referenti di questa Lettera Aperta firmata da Veneto Łión sono Andrea Arman, Patrizio Miatello, Franco Rocchetta.

Si comunica inoltre che prima ancora della diffusione di questo testo, già molti Sindaci, rappresentanti di coalizioni politiche tra loro anche assai diverse, da Isola Rizza a Quarto d’Altino, venuti a conoscenza dell’essere questa Lettera Aperta in cantiere hanno aderito all’invito da essa veicolato condividendone i valori e le finalità.

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

4 risposte a 24 Maggio 1915 – 2015 : LUTTO, non Festa

  1. silvano ha detto:

    grazie, per il continuo lavoro ,alla conservazione della verità e alla testimonianzza della memoria storica

    Mi piace

    • Ettore Marson ha detto:

      Chi conosce la storia vera, non quella di Stato imposta nella sua ignobile falsità dai programmi ministeriali, non può non condividere il fatto che la ricorrenza del 24 maggio sia realmente e sotto tutti i punti di vista un giorno di autentico Lutto per tutti i Veneti i quali, nel 1915, condividevano le aspettative di neutralità della Santa Sede, neutralità pure condivisa dalla stragrande maggioranza del Parlamento. L’entrata in guerra dell’italia nel 1915 avvenne disattendendo la volontà pressocchè unanime del Parlamento e fu imposta con un autentico colpo di Stato!

      Mi piace

  2. Ben ha detto:

    certamente si! è un lutto e una sconfitta della razionalità a favore del marciume massonico, sionista (americano) ormai imperante in gran parte del mondo. Indire una “FESTA” per questo macello di una generazione, specialmente di giovani VENETI, tra ci fu pure mio NONNO GIOVANNI che scomparve allo scoppio di una granata sul GRAPPA a “27 anni”. è una ingiustizia per non dire una presa per i fondelli….e i sindaci dovcrebbero prendere le distanze se avessero un minimo di intelligenza e fossero meno servili a una “ROMA” infetta, inetta e sporca…purtroppo ci saranno coloro cha la festeggeranno senza accendere il cervello…ora l’ esrcito itagliota viene usato per farci invadere da milioni di VERI NEMICI, gentaglia che ci ha giurato di farci fuori…e non sono austroungarici…sono ben altra cosa…la nostra sicurezza non esiste più, l’ invasione procede spedita a NOSTRE SPESE e con l’ aiuto dei sindaci (non tutti per fortuna) con l’ aiuto di un clero volto ad interessi non proprio nobili che non dico, daun comunismo italiano imperante e da una DITTATURA COMPLESSIVA che ci ha tolto veramente ogni possibilità economica e libertà politica hanno sostituito pure il PAPA per poter avere il totale dominio delle menti..ora abbiamo un papa , che papa NON E’ ma che tutti adorano, abbiamo il 3° governo CATTOCOMUNISTA non eletto dal popolo e molti a lodare l’ operato disastroso ma in linea con i voleri della BCE, FMI (banche private!!!!!!)….ci vorrebbe una rivoluzione….ma anche su questo ci hanno fermati con un continuo lavaggio del cervello tramite i mass media, nelle scuole ormai in mano ai comunisti e a volte la polizia che si sfoga sulla gente per bene e sta ferma quando ci sono i delinquenti comunisti che danneggiano….in poche parole dico che siamo finiti…tra poco non avremo più proprietà ne dirritti…se ci si pensa solo un po a tutti dovrebbe venire la pelle d’ oca dal terrore, ma anche su questo ci stanno abituando giorno per giorno…SVEGLIAAAAA!!!

    Mi piace

  3. Pingback: Ancora sulle Pasque e il Gonfalone gigante | Vivere Veneto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...