RESANA : ETICA DELLE MARCE SILENZIOSE

da Redazione di Vivere Veneto

manifestazione con Corso Cittadella pienoSi è pensato di fare delle sfilate in assoluto silenzio, senza rendere dichiarazioni alla stampa o simili nè all’inizio nè alla fine della manifestazione. La sfilata avvengono in ordine, allineati e mantenuti in riga. Solo il gonfalone di San Marco, uno grande in apertura del corteo e altri più piccoli ad intervalli regolari. Fino ad oggi sono state organizzate alcune marce con scopo di semplice presenza, altre con scopo di supporto ad una causa specifica.

L’intento e’ quello di portare supporto alla identità del Popolo Veneto sia indirettamente sia mostrando la nostra posizione rispetto ad una iniziativa o a un fatto, sempre in pacifico silenzio !

A Resana

Nella marcia di Resana, lo scorso ottobre, lo scopo era far sentire ai nostri Sindaci che siamo loro vicini, che  tutte le volte che vediamo davanti ai nostri Comuni Veneti SVENTOLARE  SOLO IL GONFALONE VENETO, il nostro Cuore gioisce  e ne siamo orgogliosi!

Ci siamo stretti attorno a chi ha il coraggio di  tali azioni  dimodochè altri possano  seguire l’esempio, altri possano esser incoraggiati!

Perché marciare in silenzio ed ordinati?

Le ragioni che hanno indotto a lanciare questa forma di espressione foto bandiera comune resanasono molteplici e determinate da situazioni proprie del movimentismo Veneto e dal momento socio – culturale – economico in cui viviamo.

Speriamo  di non offendere nessuno nell’affermare che, purtroppo, ancora non siamo riusciti a declinare un linguaggio che ci affratelli fra Veneti; anzi, sovente varie anime e cuori del movimento “venetista” si sono aspramente combattuti ottenendo l’unico ovvio risultato di rafforzare la posizione di debolezza.  L’accertamento della ragione o del torto in questi scontri non ha assolutamente migliorato la vita della Gente Veneta.

IN SILENZIO, quindi, per imparare a stare vicini, per capire che siamo fratelli, per unirci sotto l’unica bandiera. CON  DIGNITA’

IN ORDINE, per superare le gazzarre, per capire che solo in un ragionevole ordine vi può essere il superamento del caos italico, per imparare a stare al proprio posto senza questioni di precedenza, camminar verso il Nostro Unico Grande Comune Obbiettivo;

per chi ci guarda silenzio ed ordine sono una novità.

Gli italiani parlano, parlano, parlano ….fanno confusione, vivono della confusione e delle chiacchere. Molti Veneti si stanno abituando a questo insulso modo di vivere ma la maggior parte continua a sentirlo estraneo.

confusione-ordineUna marcia con la nostra bandiera nel centro delle nostre città e, magari, di tutti i paesi, significa coraggio di mostrarsi con la volontà di riprenderci ciò che è nostro e che da tempo è illegittimamente occupato.

Il centro delle città, le piazze, i luoghi di particolare valore rappresentano il cuore di una società, non per niente gli occupanti vi fanno sventolare il tricolore. Nelle nostre piazze soggiornano e sfilano i rappresentanti, gli agenti ed i servitori dell’occupante. Con la nostra marcia vogliamo cominciare a far capire che i tempi sono cambiati, che i veneti vogliono e stanno riprendendosi ciò che è loro.

E’ IMPORTANTISSIMO CHE CONDIVIDIAMO IL PIU’ POSSIBILE QUESTA NOTA, TUTTI I VENETI DEVONO SAPERLO !

W.S.M.

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...