Solidarietà Veneta al popolo Greco

Un’iniziativa di Veneto Liòn

[riceviamo e pubblichiamo]

123623437-937ef066-9d44-45c9-89b1-efde06d6c266La sofferenza del Popolo Greco non può lasciarci indifferenti. Millenni di storia accomunano Greci, Veneti e molti altri popoli nel difficile percorso verso una forma di civiltà rispettosa dell’uomo.

In questi giorni, e probabilmente anche nel prossimo futuro, una parte del Popolo Greco si vedrà privata, senza colpa diretta, dei fondamentali mezzi di sostentamento e noi, come Veneti e come cittadini d’Europa, non possiamo assistere inerti ad una violenza che non ha precedenti nella storia. Poco possiamo fare nei confronti della grande finanza internazionale, ma possiamo dimostrare di essere uomini e di avere recepito quei concetti che sono propri alla nostra civiltà.
Molti Greci portano nome Veneto e molti sono i Veneti che lo portano Greco, lasciarli soli in questo momento sarebbe un atto criminale.

La Grecia ha combattuto la battaglia contro i giganti della finanza internazionale con coraggio e dignità ed anche con quella determinazione che consente, a noi uomini e donne d’Europa, di sperare che il futuro non sia solo di numeri, spread, tasse ed oppressione.

La storia del Popolo Greco è fatta di coraggio, dignità, sogno, e da millenni gli altri popoli crisi-grecia1-680x365d’Europa si abbeverano anche delle loro lotte, del loro pensare, del loro soffrire. Gli Stati d’Europa spendono miliardi di Euro, Italia in primis, per dare ospitalità e comfort a gente proveniente da molteplici paesi che si rovescia in Europa quasi sempre senza una vera ed onesta ragione di fuga da conflitti bellici. Miliardi per dare da dormire, mangiare e comfort a persone che sono ben nutrite, muscolose e molto spesso ben griffate.

Gli Stati d’Europa lasciano una grande parte del Popolo Greco in situazione di indigenza, con 120 Euro il mese per vivere; anziani e bambini nel caldo afoso delle città greche senza la possibilità di riparo e refrigerio; e per gli Stati d’Europa questo va bene.

NO! Per noi uomini che crediamo nel valore della fratellanza dovuta alla comune esperienza di vita e di storia, che crediamo nella doverosità della solidarietà con gradazione di prossimanza, dimenticarsi del popolo Greco non è possibile. Per noi uomini che subiamo ogni giorno le vessazioni dei poteri che oggi governano la Terra senza rispetto per l’uomo e per la natura, la “RESISTENZA” del Popolo Greco rappresenta una speranza.

Come Veneti siamo e ci sentiamo davvero fratelli del popolo Greco e ci facciamo promotori di una raccolti fondi a suo favore che auspichiamo possa trovare adesione anche in Italia e nel resto d’Europa. E’ stato aperto il conto:

IBAN: IT58F0572862930068571206462 presso la Banca Popolare di Vicenza

che sarà amministrato da Andrea Arman, Patrizio Miatello, Franco Rocchetta ( con rendicontazione mensile inviata alle maggiori testate giornalistiche italiane ) sul quale potranno essere fatte le donazioni a favore del Popolo Greco indicando a causale: “Solidarietà Grecia”. Le somme raccolte saranno mensilmente versate al Governo Greco, il quale le distribuirà, anche sotto forma di beni materiali, ai cittadini Greci aventi bisogno di aiuto.

cropped-leone53Invitiamo tutti a dare diffusione alla presente iniziativa e ci rendiamo disponibili alla collaborazione con chiunque la condivida.

Veneto Łión.

Andrea Arman [348 736 5189]
Patrizio Miatello [335 743 1389]
Franco Rocchetta [380 190 7912]

Venerdì 3 Luglio 2015.

////

Veneto Łión è una magistratura spontanea del Popolo Veneto senza finalità elettorali o di lucro.

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Solidarietà Veneta al popolo Greco

  1. roberto ha detto:

    grazie per l’informazione.
    spero che il governo greco non spartisca questi soldi ‘a modo suo’ come succede nel nostro.
    non esistono vie più dirette e sicure per fare arrivare i soldi alla popolazione?

    se la maggioranza fosse quella del ‘no’, cosa che spero, devo dire che i greci hanno gli attributi che nemmeno gli scozzesi non hanno dimostrato (si sono lasciati intimorire dal ricatto ue che li avrebbe tagliati fuori).

    comunque vada, si tratta di un segnale che una piccola potenza come la grecia ha dato al resto d’europa centralista. è già un precedente.
    la ue ha dimostrato benissimo il proprio gioco per la seconda volta.

    mio parere è che se raggiungessimo l’indipendenza non ci resterà altro che staccarcene immediatamente altrimenti, come nel caso greco, non ci lascerà in andare così ‘democraticamente’ (come del resto è dimostrato oggi dall’italia nei nostri confronti).
    dovremo staccarcene e al tempo stesso solidarizzare con altri popoli per dare origine ad un’europa ‘dinamica’, senza vincoli, c’è chi entra e c’è chi esce.

    i veneti saranno all’altezza della piccola grecia, oppure come dimostrato dalle ultime elezioni… ?

    Mi piace

  2. teo ha detto:

    SOLIDARIETA’ UN CORNO!

    A questi abbiamo dato 380 miliardi di euro per stare in piedi, perchè le casse erano VUOTE. Questi parassiti vanno in pensione a 55 anni (il 7% dei greci va in pensione tra i 26 e i 50 anni), hanno più militari loro dello stato italiano (ed hanno 11 milioni di abitanti, non 60 come la baracca italica), hanno il doppio degli statali per abitanti rispetto a noi, questi parassiti vivono sullo stato forse peggio di calabresi e campani, e DOVREMMO DARGLI ANCORA DEI SOLDI?
    MA BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA NE ABBIAMO GIA’ UNA DI MAGNA MARADONIA DA MANTENERE!!!!

    Mi piace

    • Maurizio Bedin ha detto:

      Sig. Teo, se c’è una parola che odio e che proprio non sopporto, questa è “populismo”.
      Ma, purtroppo, mi sovviene utile quando leggo argomentazioni come da Lei esposte.
      Lo sa che l’Itaglia versa annualmente al MEF (fondo salva ??? stati) ed a fondo perduto, fior di miliardi e che se chiederà aiuti dovrà pagare interessi su quei soldi, che sono anche suoi? Poi Lei asserisce di gente che vanno in pensioni a 55 anni ed il 7% tra i 26 ed i 50….questo dice poco o nulla! Ha mai sentito parlare di pensioni baby in Itaglia? Gente che andava in pensione anche con soli 15 anni 6 mesi +1 giorno???? Lo sa che molti dipendenti pubblici, specie esercito, polizia, carabinieri, etc. ogni 2 anni di lavoro ne hanno 1 gratis (scusi la semplificazione) e così, mediamente, vanno in pensione, tuttora dopo la famigerata legge Monti-Fornero, ad una media di 51/55 anni? Sia ai baby pensionati ed ai privilegiati di cui sopra, a quelli Sì, che paghiamo le pensioni e direttamente! Lei si preoccupa forse degli, oramai, famosi 36/40 mld€ che Itaglia avanza da Tsipras? Sa cosa sono i derivati e simili? I nostri amministratori, sia a Roma che i locali, negli ultimi anni ne hanno mandati in fumo molti ma molti di più. E non c’è l’hanno detto, anche se poi le verità vengono a galla….qualche volta. Come vede non abbiamo niente da rimproverare al Popolo Greco. Hanno fatto tanto quanto abbiamo fatto in Itaglia, quindi non faccia il fariseo nel guardare la pagliuzza nell’occhio degli altri e non voler vedere la trave nel proprio. In fondo, sti Greci, ci stanno dando una lezione di democrazia! …e da noi, in penisola, è da tanto tempo che non ne sentiamo l’odore.
      Serenissimi saluti. WSM!

      Mi piace

    • roberto ha detto:

      lei dice:
      ‘Questi parassiti vanno in pensione a 55 anni’
      mi suona un po’ come invidia.
      anche noi avevamo un’età pensionabile inferiore. eravamo parassiti?
      forse lei desiderava che lo mettessero in quel posto anche a loro?
      oppure crede che più un cittadino viene ‘spremuto’ attraverso il lavoro e le tasse, più gli verrà riconosciuto?
      forse diventerà più onesto?

      io non sono affatto per gli aiuti gratuiti e a ‘non so chi’, ma a differenza degli immigrati, i greci almeno sono rimasti a casa loro per risolvere i loro problemi e non hanno chiesto aiuti ‘umanitari’ che a quanto pare stanno andando di moda come ‘doverosi’.
      non hanno chiesto nulla, ma a loro io darò.
      aiutati e il cielo ti aiuterà.

      loro hanno alzato la testa dimostrando coraggio. noi invece ci guardiamo ancora i piedi…
      noi veneti abbiamo invidia perchè in fondo siamo paraculi. lo si vede dagli esiti delle elezioni e da quanto non facciamo un fronte unico per darci un taglio.
      eh, ma no semo mia mone nialtri 😛

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...