L’orgoglio di essere Veneti

di Giovanni Barsotti

tornadorivieraNon sono uno di quei veneti fieri che predicano leghismo in dialetto bevendo prosecco alle dieci di mattina. Non lo ero la settimana scorsa e non lo sarò la settimana prossima. Non ci credo neanche, nelle regioni. È che certe cose bisogna proprio dirle. E qui, più che un discorso di regioni, è un discorso di popolazioni, di carattere.

Quella volta lì che l’hanno creata quasi per sbaglio, forse non credevano sarebbe venuta così bella, Venezia. D’altronde, dar vita alla città più affascinante del mondo a partire da una palude non dev’essere stato facile. E infatti credetemi se vi dico che i veneti c’hanno le palle.

C’era da fermare gli austriaci che avevano sfondato il confine nel ’18? E i veneti sono usciti dalle case, hanno fatto mormorare il Piave e li hanno presi a calci nel culo.
C’era da fare la pace poi? E i veneti gliel’hanno fatta firmare a Villa Giusti, il 3 novembre, 8 giorni prima di quella internazionale, di Rethondes.
Allo stesso modo c’era da buttare fuori i nazisti dal ’43 al ’45? I vicentini hanno ancora gli scalpi di quei bastardi appesi alle pareti in casa.
Poi c’era da raccontarla, la seconda guerra mondiale? Ci ha pensato Mario Rigoni Stern – scommetto che le vostre maestre delle elementari hanno provato a farvelo leggere.

trustC’erano da fondare università, molto tempo prima? I veneti hanno fatto le migliori – provate ad entrare a medicina a Padova.
C’erano Dante e Petrarca da ospitare, ad esempio? Uno stava in Piazza Antenore, a Padova, e l’altro è morto ad Arquà, sui colli.
C’erano i toscani che nel Rinascimento sapevano fare tutto? E i veneti si sono presi Giotto per affrescare le chiese, Donatello per scolpire e Galilei per guardare le stelle.
C’era da tradurre Seneca? C’era da riprendere in mano il genere tragico? Sono arrivati Lovato Lovati e Albertino Mussato – e senza di loro “Shakespeare chi?”.
C’era da trovare un’ambientazione, appunto, per Romeo e Giulietta? William li ha messi a Verona.

E, a questo proposito, c’erano da costruire teatri? I veneti hanno messo in piedi La Fenice, il Verdi, l’Olimpico e l’Arena.
C’era da fare, teatro? Ci ha pensato Goldoni.
C’era da fare musica? Sono nati Vivaldi e Salieri.
C’erano da scrivere poesie? Ugo Foscolo le ha scritte.
C’era da esplorare il mondo? Marco Polo è partito.
Da disegnare paesaggi? Tintoretto, Veronese, Giorgione, Tiziano.
Tirare a giro sul secondo palo? Del Piero.
C’era da insegnare al mondo come si fa architettura? Palladio.

Ci sono case da ricostruire? Le faremo più belle di prima.


Per aiutare i cittadini colpiti dal tornado sono attivi i seguenti conti correnti, condividi anche tu l’informazione, utilizza questa immagine come copertina del tuo profilo facebook!

tornadocover

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Blog Pubblico, Identità Veneta. Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’orgoglio di essere Veneti

  1. Ben ha detto:

    bella esposizione, concreta, esaustiva e ben sintetizzata….ma una “cosa” che ha scritto e che non è corretta, ma sapendo che i libri di storia li scrivono i vincitori..si è voluto scrivere POLITICAMENTE CORRETTO come ormai ci hanno abituati, dando meriti o colpe a seconda della moda o degli interessi politici/economici; mi riferisco all’ infelice frase che “i vicentini hanno gli scalpi di quei bastardi appesi alle pareti di casa” ma che bravo…forse ha fatto parte del 7° cavalleggeri yenkee?…se si informa solo un pochino sulla verità di questi cacciatori di scalpi vedrà che questi coraggiosi (hahahah) , questi “signori” sparavano alle colonne tedesche in ritirata per PROVOCARE la reazione “DEL 10 a 1” POI FUGGIRE NEI BOSCHI lasciando la popolazione inerme, innocente nelle mani dei “bastardi” che eseguivano le esecuzioni DI QUESTI INNOCENTI mentre chi aveva provocato la REAZIONE TEDESCA ( SAN QUIRICO -Valdagno) se ne stavano al sicuro nelle loro tane da topi , felici di poter colpevolizzare i “BASTARDI” di assassinio….hanno ammazzato sacerdoti dando loro fuoco (CHIAMPO), hanno ammazzato soldati che tornavano a casa in licenza…A PICCONATE (Priabona) e tuttgli eccidi che non si dicono (in tutta itaglia) questo fatto come altri tenuti nascosti come il padre della p4esidente della ca4era, EROE…certo…informatevi chi era sto signore oltre che essere un partigiano comunista, eroe, eroe..ma di cosa… e poi questi eroi quanti italiani hanno ELIMINATO nella fase di transizione dalla Dittatura a questa democrazia? Informiamoci…purtroppo vedo che la propaganda comunista fa breccia dappertutto e si riesce a intrufolarla anche su un argomento SERIO COME LA LIBERAZIONE DEL VENETO dalla sporcizia cattocomunista, in cui partigiani, fascisti e altra ROBA dovrebbero star fuori dal discorso INVECE DI UTILIZZARLO PER FARE MISERA PROPAGANDA PRO COMUNISTI, pro QUELLI che OGGI ci stanno massacrando…Non vorrei che rimpiangessimo il Benito…certo è che con i rossi non avremo più scampo e il futuro dei nostri figli è finito in nome di una europa DITTATORIALE GESTITA DA SINISTRI individui servi dei massoni americani, gente senza scrupoli, altro che Hitler, Mussolini, questi ci stanno togliendo anche l’ aria…siamo già colonizzati da milioni di clandestini, islamici, voluti dai cattocomunisti, e anche se non è POLITICAMENTE CORRETTO dirlo, CI ODIANO e aspettano il “MOMENTO”, questo, grazie ai COMUNISTI che hanno eliminato i BASTARDI dopo averli SCALPATI…..Che Dio ci aiuti!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...