Guadagnini: «Rinuncio alle stanze e al personale»

da un articolo de Il Gazzettino del 17.08.2015 - di Alda Vanzan

Regione – L’esponente di Indipendenza Noi Veneto, capogruppo di se stesso e consigliere segretario, ribatte al M5S

guadagnini_ridotta«Il doppio incarico ce l’ha anche Jacopo Berti. E comunque io non userò doppie stanze nè doppio personale». Colpito e piccato, così Antonio Guadagnini di “Indipendenza Noi Veneto con Zaia” risponde a Jacopo Berti del Movimento 5 Stelle che dalle colonne del Gazzettino l’altro giorno ha tirato in ballo il caso dei monogruppi in consiglio regionale del Veneto con duplici incarichi. Che poi sono solo due: Antonio Guadagnini e Sergio Berlato.

Guadagnini è l’unico consigliere regionale eletto per la lista Indipendenza che appoggiava Zaia e che sta in maggioranza – quindi capogruppo di se stesso – ma è stato anche eletto dal consiglio regionale membro dell’ufficio di presidenza. Come capogruppo ha diritto a uffici e tre dipendenti, come consigliere segretario¹ ha diritto ad altri uffici (peraltro più di prestigio) e ad altri due dipendenti.

Ma sono benefit di cui Guadagnini non intende avvalersi. Dice: «Terrò solo gli uffici che mi spettano come consigliere segretario dell’Ufficio di presidenza. Le due caselle riguardanti il personale che spetta al consigliere segretario le ho già riempite: Arianna Barocco che fa la responsabile e Rosanna Rado. Per quanto riguarda i tre dipendenti che spettano al gruppo, prendo solo Ettore Beggiato con l’incarico di responsabile. Gli altri due dipendenti non li prendo. Rinuncio anche alle stanze». Ma Beggiato dove lavorerà? «All’interno dei locali che utilizzo come consigliere segretario. E se ci sarà bisogno, le altre due dipendenti gli daranno una mano». Ma non si rischia una commistione di ruoli, visto che quello di consigliere segretario è un ruolo istituzionale mentre la segreteria del capogruppo è più politica? «Ma no – dice Guadagnini – si daranno una mano».

consiglio regionaleIl capogruppo dei “Indipendenza Noi Veneto con Zaia”, inoltre, non trova nulla di singolare nell’aver assegnato l’incarico di responsabile del gruppo a Beggiato che, in quanto ex consigliere regionale  per tre mandati (quarta, quinta e sesta legislatura), prende già il vitalizio di oltre 3.700 euro al mese: «Avevo bisogno di una persona di fiducia e competente».

Il capogruppo di Indipendenza non esclude, invece, se la norma glielo consentirà, di “monetizzare” il risparmio del mancato impiego degli altri due dipendenti per avvalersi di consulenti: «Ad esempio, sulla riduzione delle Ulss e sull’Azienda Zero voglio capire bene».

A Berti, infine, dice da che pulpito arriva la predica: «Berti è già capogruppo del M5S, la vicepresidenza della commissione Sanità l’ha avuta grazie ai voti della Lega, sennò andava al PD. Quel posto poteva lasciarlo a uno dei suoi visto che sono in cinque»

La risposta del consiglier Guadagnini fa seguito all’attacco di Berti (M5S) sui consiglieri unici con doppi incarichi. Clicca qui per leggere l’articolo in questione.


Guadagninigazzettino


¹ I consiglieri segretari sovrintendono, a turno, alla redazione del verbale delle sedute pubbliche e redigono il verbale delle sedute segrete; procedono agli appelli nominali; tengono nota dei consiglieri che hanno chiesto la parola secondo l’ordine; accertano il risultato delle votazioni; verificano la fedele e tempestiva pubblicazione dei resoconti; verificano il testo dei progetti di legge e di quanto altro viene deliberato dal Consiglio; collaborano con il Presidente al regolare andamento dell’attività del Consiglio regionale; sovrintendono, secondo le disposizioni del Presidente, al cerimoniale, alla polizia e ai servizi interni. [Art.16 Regolamento Regionale n.1 del 14 aprile 2015]

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Blog Pubblico, Consiglio Regionale - News. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Guadagnini: «Rinuncio alle stanze e al personale»

  1. StefanoZzz ha detto:

    no cambia gnente, xè sol naltra carega

    Mi piace

  2. Enzo Trentin ha detto:

    Giudichiamo i nostri politici per quel che fanno, non per quello che dicono.

    Nel marzo 2013, FreeVeneto insieme al partito indipendentista Veneto Stato, prende parte ai lavori di Barcellona per il lancio della Commissione Internazionale dei Cittadini Europei – ICEC [http://www.freeveneto.org/steps.html]. Essi partecipano attivamente all’iniziativa della raccolta firme per il Diritto di Autodeterminazione in Europa. Antonio Guadagnini (oggi Consigliere regionale veneto) aveva promesso [http://www.insorgente.com/modules/news/item.php?id=164 ]: «Il milione di firme verranno consegnate il 30 Marzo 2014 a Bruxelles insieme ai Baschi, ai Catalani, agli Scozzesi, ai Fiamminghi, ai Tirolesi e a tutte le Nazioni ed i singoli cittadini europei che vorranno aderire e sottoscrivere l’iniziativa, in una manifestazione che si prevede davvero oceanica.»

    Non ci fu nessuna consegna e nessuna manifestazione oceanica. Il milione di firme, da raccogliersi in almeno 7 Stati dell’UE, non fu raggiunto. Poco male! L’iniziativa non è deliberativa, [http://www.eesc.europa.eu/resources/docs/12_97-citizens-initiative-it.pdf ] è solamente una richiesta alla Commissione europea (organo non elettivo) di prendere in considerazione la proposta di un milione di cittadini europei, ed a cui la Commissione ha solo l’obbligo di rispondere, magari con un lapidario: No!

    Parlano di “democrazia partecipativa” ovvero: tu partecipi o proponi, noi decidiamo; che non è democrazia diretta, è il regime della democrazia rappresentativa. Insomma, giusto per capirci, si tratta di uno strumento molto simile al referendum consultivo che i boccaloni oggi installati in Regione Veneto annunciano di voler materializzare (vedasi Legge Reg. 16/2014) anche in contrasto con la deliberazione della Corte costituzionale italiana. Si tratta (come dire…?) di un’opposizione “politica” alla Suprema Corte che non poggia su inconfutabili argomentazioni giuridiche. Si veda qui http://www.consiglioveneto.it/crvportal/pageContainer.jsp?n=81&p=84&c=5&e=91&t=1&idEvento=7325

    I nostri “eroi” proseguono: «Il percorso di costituzione della nuova Europa dei popoli dev’essere fondato sul federalismo europeo dei territori, presupponendo il dissolvimento delle entità statali attuali, del tutto inadeguate ad affrontare le sfide geo-politiche mondiali. […]
    L’obiettivo finale – continua Antonio Guadagnini, che in questo caso parla a nome di una forte maggioranza del Consiglio Regionale Veneto, avendo raccolto ben 26 sottoscrizioni! – è arrivare a realizzare il referendum per l’indipendenza del Veneto (Consultivo? E per il quale i privati cittadini dovrebbero sborsare volontariamente 14 milioni di Euro? Tsz! Ndr) un’idea condivisa dalla gran parte dei consiglieri di maggioranza, ed anche il presidente del Consiglio e il presidente della Giunta, che hanno preferito non sottoscrivere il documento per ragioni di opportunità, sono sostanzialmente e moralmente con noi.»

    Ora è da sottolineare che si tratta, più o meno, delle stesse persone che all’incirca 30 anni orsono predicavano l’autonomia ed il federalismo non ottenendo nessun risultato politico tangibile. Oggi per quale ragione dovrebbero risultare più credibili e determinanti, quando hanno spostato l’obiettivo più in avanti: sul federalismo dei territori europei? Di quali credenziali dispongono? Non lo specificano!

    Quanto alla posizione dei due che «hanno preferito non sottoscrivere il documento per ragioni di opportunità», cosa dire? Risulteranno comunque “vincitori” sia che la questione abbia successo, sia che fallisca. Sicuramente una posizione assai ambigua. Sofocle ammoniva: «Non si può conoscere veramente la natura e il carattere di un uomo fino a che non lo si vede gestire il potere.» L’odierno panorama politico del “Belpaese” questo offre.

    Sicuramente potremo vedere: «Le tre cose che faremo come Intergruppo – ha annunciato Antonio Guadagnini – sono consultazioni della popolazione a livello locale, organizzare convegni nazionali e internazionali per portare il tema all’attenzione del Parlamento europeo e tessere relazioni con i movimenti indipendentisti, sia italiani, come quello del Sud Tirolo e della Sardegna, sia europei.»

    Sulle consultazioni a livello locale c’è da star tranquilli. Andranno per il contado a far passerella per concionare, e se qualcuno suggerirà qualcosa di sensato diranno: «Sì, ma…»; che è l’esatto contrario di quel sistema democratico che vorrebbero propugnare, ma che di fatto rafforza la rappresentanza (loro), e avvilisce la cosiddetta partecipazione del cittadino “sovrano” che sta alla base della democrazia.

    Sicuramente:
    – Organizzeranno meeting e convegni; tanto lo faranno a spese dei contribuenti per mezzo delle infinite pieghe del bilancio regionale o con i fondi destinati ai partiti.
    – Quanto al coinvolgere gli altri indipendentisti italiani ed europei… (beh!) abbiamo riscontrato la loro efficacia con l’iniziativa ICEC [http://www.suedtiroler-freiheit.com/progetto-icec-la-tua-firma-per-lautodeterminazione-dei-popoli/ ] sopra descritta. Ma abbiamo anche constatato la rissosità tra indipendentisti, nonché le loro “disinvolte” manovre nel presentare liste – che alcuni definiscono Civetta – alle elezioni 2015 in Veneto.

    Non bastasse Antonio Guadagnini ha recentemente dichiarato alla stampa [https://www.facebook.com/pages/Noi-Veneto-Indipendente/369995733158468 ] che assumerà con incarico dirigenziale in Regione Veneto l’ex Consigliere Ettore Beggiato. Della cui esperienza – in ben tre legislature – non si vuole menomare.
    Considerando la cultura politica dei “nostri”, domandiamo: «ci saranno ancora inserimenti nelle istituzioni o aziende collegate? Vale a dire gente che accrescerà il debito pubblico?» C’è da scommetterci! Sono molte – in quel coacervo di liste che forma INV – le persone che possono vantare esperienze parlamentari, regionali e comunali. Tsz! Insomma, come avevamo già segnalato in precedenza, si tratta della solita Compagnia di giro che non si differenzia in nulla da quella partitocrazia che vorrebbe sopravanzare. La “partecipazione” c’entra assai poco. Lo scrittore George Orwell acutamente scriveva: «Sappiamo che mai nessuno prende il potere con l’intenzione di abbandonarlo.»

    In conclusione aggiungono i nostri “eroi”: «Non è un caso che le situazioni socio-politiche della Scozia e della Catalunya sono attraversate da convinte spinte autonomiste che vengono da partiti legati strettamente con le posizioni della nuova sinistra europea…», in ciò perpetuando due equivoci di fondo:
    Scozia e Catalunya hanno realtà oggettivamente differenti da quella veneta. Esse poi sono già autonome. Semmai lavorano per l’indipendenza non per l’autonomia.
    Si continua a parlare di autonomia, che è cosa ben diversa dall’indipendenza, e ciò alla faccia del fatto che la lista con la quale è stato eletto Antonio Guadagnini s’intitola: INDIPENDENZA NOI VENETO – CON ZAIA. Così come decenni fa peroravano la causa del federalismo per accomodarsi – sontuosamente retribuiti – sugli scranni del “potere”, oggi straparlano di indipendentismo per ottenere gli stessi privilegi. Sul federalismo a suo tempo fallirono. È lecito domandarsi per quale ragione dovrebbero avere miglior fortuna con l’indipendentismo?

    Non va molto meglio con il vertice di Indipendenza Veneta. Pur dichiarando sfiducia nella magistratura italiana, ricorre al TAR del Veneto per annullare le elezioni regionali del 2015 [http://www.miglioverde.eu/indipendenza-veneta-chiede-annullamento-eletti-in-consiglio-regionale/ ]. Diceva Ronald Reagan (ex presidente USA) «La politica è stata definita la seconda più antica professione del mondo. Certe volte trovo che assomiglia molto alla prima.»

    L’idea di cambiare qualcosa, non ha ancora fatto breccia in molti pseudo indipendentisti. Ci arronzano con discorsi e iniziative di indipendenza di qua e di la’, ma non hanno ancora stilato un’ipotesi credibile di come dovrebbe essere esercitata l’autodeterminazione del futuro Veneto indipendente.

    Considerate le loro disinvolte esperienze politiche e la loro cultura partitocratica si è indotti a credere che approvino il regime democratico rappresentativo. Se così fosse, l’elettorato sarebbe chiamato, eventualmente, a cambiare i suonatori, non certo la musica. E la sconfortante conclusione sarebbe che ci si trova di fronte ai soliti “ciacoloni” che mirano principalmente ad abbrancare anche le briciole, purché ovviamente siano briciole che cadono dal tavolo del potere. In proposito uno dei principali scrittori di aforisti, lo spagnolo Ramón Eder sostiene: «La lotta per il potere può essere terribile, ma la lotta per le briciole del potere è sempre patetica.»

    Liked by 1 persona

  3. Luciano ha detto:

    Concordo pienamente con Trentin. Con questa gente l’indipendenza ce la sogneremo ancora per qualche centinaio di anni !!! WSM

    Mi piace

  4. Lorenz ha detto:

    Nomen omen ovvero un nome un programma !

    Mi piace

  5. Pingback: Indipendentisti veneti, concludiamo qualcosa? | Vivere Veneto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...