Indipendenza e Autonomia – una visione dalla Lombardia

di Alex Storti su l'Indipendenza Nuova 

Lombardia e Veneto, la strada dell’autogoverno è aperta. Percorrerla insieme col referendum come Scozia e Catalogna

Lombardia CatalognaAldo Moltifiori ha lanciato un appello a chi si batte per l’autogoverno della Lombardia – e del Veneto-. Il già Sindaco di “Monza Liberata” (correva il fatidico 1992 e confesso di ricordarlo con emozione), ci sprona tutti, oggi, a dar vita ad una confederazione di soggetti e movimenti per arrivare all’indipendenza del Lombardo-Veneto. Col rispetto dovuto ad un uomo simbolo del primo e cruciale leghismo, e con l’esperienza sul campo che mi deriva dalle molte avventure vissute nel sentiero del secessionismo, risponderò con franchezza e pragmatismo a quell’appello.

(http://www.lindipendenzanuova.com/lettera-aperta-agli-indipendentisti-e-autonomisti-di-lombardia-e-veneto/

e anche 

http://www.lindipendenzanuova.com/comencini-forse-il-caos-alle-porte-ci-svegliera/)

////

Caro Aldo, l’indipendentismo militante raccoglie oggi in Lombardia pochissime forze, specialmente al di fuori della Lega Lombarda – la cui natura resta contraddittoria e, nondimeno, caratterizzata dalla presenza, al proprio interno, di una diffusa area secessionista di militanti e amministratori -. È inutile negarlo. La popolazione lombarda è a dir poco tiepida di fronte all’opzione separatista. È già molto difficile mobilitare i nostri concittadini attorno a più modesti -ma non per questo meno ambiziosi- obiettivi autonomisti.

Chiedersi se l’attuale stato delle cose sia anche responsabilità di chi, avendone il potere politico, non l’ha adeguatamente esercitato in funzione del conseguimento di maggiori forme di autogoverno, oppure se esso sia responsabilità dell’ignavia e della propensione alla delega perpetua, sempre mostrate dalla popolazione, è esercizio forse ormai superfluo.

Lombardia Catalogna 2Adesso bisogna agire. Ma bisogna farlo con estrema concretezza. Ciò significa che non è utile concentrare le poche energie, di cui noi indipendentisti disponiamo, sulla ricerca di forme aggregative fra persone e gruppi che hanno obiettivi comuni. Non è utile poiché già in passato, sia in Lombardia che in Veneto, questa strada è stata battuta, più volte, senza condurre ad apprezzabili risultati in rapporto al tempo impiegato.

Prendiamo atto che percorrere pezzi di strada insieme non richiede, quale precondizione necessaria, l’atto di confederarsi e tantomeno quello di unirsi in strutture partitiche monolitiche. Ciò di cui davvero abbiamo bisogno, adesso, è concentrarci su una cooperazione, aperta e fattiva, attorno ad obiettivi concreti, misurabili e condivisibili: anche e soprattutto da parte della popolazione lombarda – e direi pure veneta-, che di politica si occupa solo distrattamente. Per questo motivo, caro Aldo, mi associo al tuo appello alla collaborazione, trasformandolo però in un invito a prendere posizione chiara e netta nei confronti del referendum per l’autonomia differenziata, ai sensi dell’art.116 della Costituzione, previsto per la primavera del 2016.

continua a leggere ==> su l’Indipendenza Nuova

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...