Cristianesimo ed Occidente

di Massimo Tomasutti

Mosé-traversata_mar_rosso-567-col-liv-contrL’Occidente – che piaccia o meno -, è profondamente cristiano in tutte le sue espressioni, persino quelle atee, perché qui, in Occidente, quando si vuol negare Dio, si pensa al 99% al Dio cristiano. Il cristianesimo, a differenza della grecità che collocava l’età dell’oro nel passato e guardava al futuro come un’epoca di progressiva decadenza (leggersi la Teogonia di Esiodo) ha prodotto nella cultura occidentale una notevole e vitale dose di ottimismo, proiettando nel futuro la speranza di una vita ultraterrena capace di lenire l’angoscia della morte.

Einstein100th-640x371Questa tonalità ”ottimistica” ha permeato di sé anche la scienza, che guarda al futuro come al tempo del progresso; la medicina che con le sue ricerche ripone nel futuro speranze di farmaci salva-vita mirabolanti; la sociologia e l’antropologia che guardano al tempo futuro come a quello in cui potrà darsi una società più solidale, equa e migliore; la ”tecnica” stessa, sempre protesa a ricercare nuove e migliori ‘prestazioni’.

turismo-spaziale-pro-e-controTutto è cristiano in Occidente, perché il cristianesimo ha inaugurato questa nuova ”storica” concezione del Tempo! Non più ”ciclico”, secondo i ritmi stessi della natura, ma “escatologico”, dove alla fine – éschaton – si sarebbe realizzato quello che all’Inizio dei Tempi era stato ‘promesso’.

E forse proprio grazie anche a ”questa” nuova fiducia nel futuro che l’Occidente ha lungamente sopravanzato le altre culture. Persino la Rivoluzione francese dell’89 e l’illuminismo, se ci pensiamo bene, ripropongono, ovviamente in forma secolarizzata, gli antichi valori cristiani di libertà, uguaglianza e fraternità!

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico, Editoriali, Identità Veneta. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Cristianesimo ed Occidente

  1. Gian Berra ha detto:

    Per fortuna abbiamo superato il medioevo da un pezzo. E il merito è aver scoperto ciò che c’era prima. Il fatto di vedere il futuro come liberazione è il più grande inganno dell’idea che esista un assoluto. Un tumore nato nei deserti medio orientali. Anche lui ha diritto di vita, ma è un virus maligno che purtroppo mai più lascerà l’umanità, un esempio di come sia possibile fare una carezza, e poi nel frattempo rubarti l’anima. Dovremmo farci l’abitudine come a un insetto che non è possibile eliminare dall’evoluzione. 🙂
    Gian Berra

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...