Marchetto da Padova

Testimoni del Veneto

QUALCOSA DI VENETO: “pillole” su illustri veneti, di nascita o di adozione, che hanno portato dei primati alla nostra cultura, operando in patria o all’ estero, e curiosità venete

di Giulio Bertaggia

marchetto da padovaMarchetto da Padova (Padova fine sec. XIII – principio sec. XIV) Musicista. Figlio di un sarto padovano di nome Egidio, si ritiene possa essere nato intorno al 1275 o poco dopo, se è vero che tra il 1305 e il 1307 risulta attivo come “cantor” e “magister scholarum” nella cattedrale di Padova (Cattedrale di Santa Maria Assunta), ruolo che ne comprova anche lo stato di ecclesiastico.

Il 18/05/1318, Marchetto è registrato nella lista dei cappellani al seguito di Roberto d’Angiò (1277 – 1343), re di Napoli, in partenza per la Provenza. Il documento consente di convalidare l’ipotesi, di un periodo di attività di Marchetto alla corte napoletana. Con Roberto d’Angiò, in Provenza, oltre a Marchetto, c’era anche l’agostiniano Pietro di Saint-Denis, la celebre abbazia nei pressi di Parigi, autore di un “Tractatus de musica”, compilato tra il 1324 e il 1325. (1) Infatti Marchetto studiò principalmente il passaggio dall’ars antiqua all’ars nova e mise in rilievo le differenze fra l’ars nova italiana e quella francese.

(2) Nei suoi due trattati, scritti nei primi decenni del secolo XIV, il “Lucidarium in arte musicae planae” e il “Pomerium in arte musicae mensuratae” egli affronta con sorprendente arditezza, da una parte gli aspetti armonici della musica e le possibilità cromatiche che vi sono insite, anticipando i tempi di più di due secoli, dall’altra le difficoltà ritmiche e di scrittura sorte fin da quando la polifonia si era fatta mensurale e proporzionale. L’autorità di Marchetto dura tanto a lungo che ancora nel Cinquecento, in occasione di qualche dotta disputa che si accende fra i teorici della musica, egli viene ricordato come esempio di sapienza musicale. (3) I trattati di Marchetto influenzarono enormemente la musica del XIV e XV secolo e furono ampiamente copiati e diffusi in tutta Europa. Senza le innovazioni di Marchetto, la musica italiana del XIV secolo non sarebbe stata possibile.

(4) A Padova, in via dei Livello n° 32, in quello che l’ 11/06/1751 era nato col nome di “Teatro Nuovo” e che dall’ 08/06/1884 si chiama teatro “Giuseppe Verdi”, (5) Marchetto è ricordato da un ritratto in un affresco su di un soffitto del piano terra, davanti alle biglietterie. L’affresco dovrebbe essere opera di Giacomo Casa (Conegliano 1827 – Roma 26/10/1887), che nel 1884 realizzò le pitture del soffitto della sala, del Caffè, del foyer e del soffitto dell’atrio. (6) Infatti dopo il bombardamento austro-ungarico della notte del 29/12/1917, (7) il restauro di quello stesso anno riguardò i palchi, la volta della sala e l’arcoscenico e vide i nuovi affreschi eseguiti da Giuliano Tommasi (1879 – 1942) e Saturno Mazzuccato nella cupola della sala e non nell’atrio; anche il restauro del 1958 riguardò la sala e il palcoscenico e non gli affreschi dell’atrio. (8)


  • (1) (Cesarino Ruini, “Marchetto da Padova”, in Enciclopedia Italiana Treccani, 2007, http://www.treccani.it)
  • (2) (AAVV, “Dizionario Enciclopedico Moderno”, c. ed. Edizioni Labor, Milano, 1959, vol IV, p. 3432)
  • (3) (Diego Valeri, “Padova, i secoli, le ore”, c. ed. Edizioni ALFA, Bologna, 1967, p. 170)
  • (4) (“Marchetto da Padova”, in it.wikipedia.org)
  • (5) (Lionello Puppi – Giuseppe Toffanin, “Guida di Padova”, c. ed. Edizioni LINT, Trieste, 1983, pp. 347-8)
  • (6) (Franco Mancini, Maria Teresa Muraro, Elena Povoledo, “I teatri del Veneto”, c. ed. Corbo & Fiore, Venezia, 1988, p. 186) (vedi anche: Bruno Brunelli, “I teatri di Padova dalle origini alla fine del secolo XIX”, ed. Libreria Angelo Draghi, Padova, 1921, p. 441)
  • (7) (Franco Mancini, op. cit., p. 189)
  • (8) (Franco Mancini, op. cit., pp. 186 e 192)
Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico, Identità Veneta, Testimoni del Veneto. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...