I giusti non hanno colore e i Veneti lo sanno !

di Fabio Padovan

fabioDar la mano a un marocchino?

Dunque, ho ricevuto critiche perché sono andato a congratularmi con il giovane eroico marocchino che, con un fegato così, nella solitudine di un parco notturno è andato a bloccare un suo conterraneo che stava tentando violenza su due ragazzine a Conegliano.

Le cose sono andate così, per quanto mi riguarda. Martedì 29/09/15 apro il giornale e leggo con sgomento del fattaccio, finito per miracolo senza conseguenze estreme, capitato nella città dove le mie figlie vanno normalmente a passeggiare. D’impulso mi è venuto di andare a ringraziare quel giovane che ha rischiato la sua vita per difendere due ragazzine estranee. Così sono andato a comprare una pianta di fiori gialli (guarigione) e sono andato in Ospedale a Conegliano con l’intento anche di dargli un contributo economico, segno tangibile di riconoscenza. In Ospedale, dopo aver girovagato in qualche reparto, mi dicono di averlo dimesso. Chiedo ai giornalisti locali se hanno il suo indirizzo: nessuno ha niente. Sempre coi fiori in auto, vado dai Carabinieri che mi rispondono che non possono dare questa informazione. Alla sera ad inizio Ronda, nel parco Mozart, i giornalisti presenti tentano telefonicamente di sentire qualche loro fonte. Niente: nessuno sa come trovare il giovane.

f1_0_cosa-vuole-il-popolo-italiano-rarDopo due ore di ronda, tutti se ne vanno e a me capita di passare solitario, con bandiera marciana in spalla, il tratto finale del parco. Sull’ultima panchina una coppietta. La ragazza mi chiede cosa abbiamo fatto con quelle strane bandiere. Spiego. Il ragazzo allora mi dice: “Sono io che ho preso la coltellata”. Quando si dice il destino. Lo abbraccio di slancio e d’istinto, chiamo chi ancora non era salito in auto e gli dico che sono onorato di stringere la mano di una persona coraggiosa. Lui si commuove quando gli do anche i fiori e ostacola il mio tentativo di mettergli in tasca un piccolo contributo.

Quanto-sei-onestoA me non interessa di che colore sia la sua pelle o quale il suo credo. Quello è un uomo che ha dentro di sé un cuore nobile e un animo generoso, un giovane che ha dimostrato nei fatti di dare più importanza alla vita di sconosciuti, minacciati gravemente dal male, che alla sua. E questo mi basta. Un eroe che per caso stasera posso abbracciare, poiché bastava che il coltello affondasse un poco di più e noi stasera saremmo qui a celebrare un funerale e a bearci con una bella medaglia al valore.

Invece Nordim è qui e a lui va tutta la mia ammirazione e la mia gratitudine per aver tenuto alto nella mia città un valore fondamentale e fortissimo: il sacrificio anche estremo per battere il male e la violenza contro gli innocenti.

Ecco perché sono stato tanto onorato di aver dato la mano a un uomo vero. E non mi interessa niente di cosa pensino gli altri.

Ciao Nordim e benevenuto (per nostra fortuna) a Conegliano.


Tutti i greci che non rispettano la Legge sono barbari
Tutti i Barbari che rispettano la Legge sono Greci
(Alessandro Magno 356 a.C.-323 a.C.)

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Blog Pubblico, Notizie dal Veneto. Contrassegna il permalink.

2 risposte a I giusti non hanno colore e i Veneti lo sanno !

  1. Susanna Visonà ha detto:

    Si. Benvenuto in Veneto. Veneto é chi il Veneto fa. Conplimenti

    Mi piace

  2. GIANCARLO ha detto:

    Complimenti e rispetto per Nordim. Sicuramente un uomo da annoverare tra i Giusti !!!
    WSM

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...