Lepanto, una Affermazione di Identità presente

di Giorgio Burin

cuore-25aprile-sanmarcoAlla vigilia della rievocazione storica della battaglia di Lepanto sembra opportuna una riflessione sul valore attuale di questa data.

Non vogliamo ripetere le fasi della battaglia, le tecnologie, i meriti dei Veneziani o i demeriti dei fuggiaschi Genovesi. Non vogliamo neppure dilungarci sui controversi effetti pratici della battaglia all’epoca dei fatti e negli anni successivi. Tutte queste sono notizie che riguardano la storia. Per chi fosse interessato a questo, invitiamo a visitare, ad esempio, il sito di Storia Veneta che dedica un’intera sezione a Lepanto, vedi ==> qui.

wpid-wp-1429972379555.jpgVogliamo invece concentrarsi sul valore odierno di questa rievocazione. Siamo giunti quest’anno alla terza edizione di questa rievocazione, cioè dopo 442 anni, due anni fa, i Veneti hanno ripreso a voler celebrare il loro passato. Questo evidentemente non ha niente a che fare con il passato, è una affermazione di identità presente. Oggi alla celebrazione del 444° anniversario, i Veneti devono essere moltissimi, per dimostrare che il sentimento identitario non solo esiste ma è in crescita. Questa edizione è stata preparata con particolare cura e passione, per il link all’evento vedere ==> qui.

Ci rivolgiamo a tutti quelli che auspicano l’indipendenza del Veneto, a tutti quelli che sono convinti che “tanto non ce lo lasceranno mai fare”, per invitarli a lasciare la poltrona e la tastiera e a diventare protagonisti di un evento identitario di grande importanza.

Non diamo spazio ed argomenti a chi dice che non è vero che non ce lo fanno fare, la realtà è che siamo noi che non lo vogliamo abbastanza.

Questa voce è stata pubblicata in Battaglia di Lepanto, Blog Pubblico, Ricorrenze. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Lepanto, una Affermazione di Identità presente

  1. Luciana ha detto:

    Io non comprendo perché M.A. Bragadin non sia stato proposto per una eventuale canonizzazione da parte della Chiesa Cattolica, forse nel corso dei secoli non ci hanno pensato oppure non era politicamente corretto ?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...