Il Veneto “Alto”

da uno spunto di Alessandro Mocellin

dante-alighieri_04Tutte le lingue hanno una versione diciamo “dotta”, un parlar “forbito” si dice in italiano. Hoch Deutsch si dice in tedesco. Si tratta del parlare di quelli che hanno una cultura superiore alla media e che usano, nel dialogo quotidiano, specialmente in contesti formali, termini e forme grammaticali non in uso nel parlare quotidiano della massa.

Il fatto che per molti anni le classi borghesi, specialmente nelle città, abbiano preferito utilizzare l’italiano ha portato molti alla erronea convinzione che certi termini non esistano in Veneto.

Riportiamo una domanda su questo tema rivolta da un lettore ad Alessandro Mocellin e la sua risposta.

Domanda : F.C.: ciao Alessandro, volevo farti una domanda: poiché intendo scrivere delle poesie in veneto, vorrei sapere se termini come ad esempio “orgoglio”, “pregiudizio”, malleabile”, “incommensurabile”, “alterigia” eccetera sono patrimonio di tutti i popoli della penisola italica, o sono invece italianismi, cioè derivano dal toscano illustre.

Mi spiego meglio: se io in queste poesie scrivo “orgojo e pregiudisio” , uso legittimamente dei termini che appartengono alla tradizione veneta, oppure tento una improbabile venetizzazione di parole che sono solo italiane/toscane? Grazie della risposta e un saluto.

Risposta : Carissimo F., è molto interessante la Sua domanda, perché è un punto chiave da capire per una visione moderna sulla lingua veneta: infatti è una delle cose che spieghiamo ai Corsi di Veneto ideati e organizzati da Academia de ła Bona Creansa.

Le parole di registro alto, che spesso vengono erroneamente ritenute patrimonio dell’italiano, nel 90% dei casi, o forse più, sono “europeismi”, o a.d. “dottismi”. Esiste un “test” che abbiamo elaborato in Academia per i corsisti: basta cercare riscontro dello stesso termine in francese, in inglese o in tedesco.

Se è presente in almeno una di queste (solitamente l’inglese o il francese) si può andare sicuri che si tratti di un europeismo. A occhio, direi che sono tutti europeismi (orgoglio c’è in francese, pregiudizio c’è in francese e inglese, incommensurabile anche), tranne “alterigia”, che sa proprio da toscano. “Malleabile”, non so se esiste in inglese, ma è presente in francese, e dunque via libera a usarlo anche in veneto, nel registro alto della filosofia, della scienza, dell’università.

Con gli europeismi in lingua veneta si procede così: si prende la forma europea e la si cala in atmosfera fonetica e forma ortografica veneta, così come fanno tutte le lingue europee con questi europeismi. Quindi “incommensurabile” in italiano, “incommensurable” in francese, in veneto sarà “incomensuràbiłe” (in ortografia che insegniamo in Academia ai Corsi). E così anche “orgojo” (“orgogio” per i veneziani), “prejudisio” (o anche “prezudisio” o “pregiudisio”, sempre varianti del veneto).

Non è male come verifica e ampliamento di ricerca anche cercare in dizionari veneti, tipo quello di Cavallin (e altri più settoriali), che registra moltissimi lemmi veneti da diversi dizionari: molte volte, il veneto registrava già certi termini prima che arrivasse il corrispettivo italiano!

ShakespeareE’ sì vero che i nostri nonni non usavano termini tecnici e alti come “antifràstego”, e forse nemmeno Goldoni lo usò mai, ma ciò non significa che non sia patrimonio linguistico anche veneto, proprio perché è terminologia dotta europea: quanti italòfoni usano quotidianamente e conoscono i significati profondi del termine italiano “antifrastico”? Dante lo usava? Quanti anglòfoni usano quotidianamente e conoscono i significati profondi del termine inglese “antiphrastic”? Shakespeare lo usava?

Come si vede, ogni lingua prende il termine europeo e lo cala nel proprio sistema di suono (fonetica) e di scrittura (ortografia): inglese “antiphrastic”, italiano “antifrastico”, veneto “antifràstego”.

telescopiogalileoNon priviamoci dunque di un patrimonio linguistico comune a tutta Europa e a tutto il Mondo per la falsa convinzione che l’Italiano sia l’unica lingua che può dominare il lessico tecnico-scientifico: in fondo, già quattrocento anni fa Galileo Galilei, toscano, scrisse uno dei suoi trattati di astronomia in veneto, nella variante padovana che molto probabilmente dominava le discussioni accademiche all’Università di Padova, che allora, molto più che adesso, teneva alla sua “patavina libertas” anche sul piano linguistico.

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico, Identità Veneta, Lingua veneta. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il Veneto “Alto”

  1. Davide Lovat ha detto:

    Sì, condivido tutto tranne una cosa: non sono “europeismi” quelli degli esempi, sono “derivazioni del latino” e il veneto è una lingua chiaramente e indiscutibilmente neolatina…

    Mi piace

    • alessandromocellin ha detto:

      In realtà no: essi sono europeismi o dottismi, termini generati dagli intellettuali umanisti (i primi, poi fino ad oggi) a partire da radici latine e greche, creando migliaia di termini totalmente nuovi e che erano totalmente inesistenti proprio in greco e latino.
      Tant’è che ci sono termini ibridi, metà di radice greca e metà di origine latina. Per esempio: geocentrico è termine inesistente in latino o in greco, formato da radice greca + radice latina + suffisso latino.

      E il termine non esisteva per un motivo semplice: ai tempi classici era inesistente il concetto o la sua marcatura scientifico-metodologica, e dunque non c’era bisogno di un termine. Dal Quattrocento nascono concetti nuovi ed il bisogno di battezzarli non poteva soddisfarsi con un termine inglese o spagnolo o veneto o tedesco: l’approccio scientifico e l’atomizzazione del potere politico (una benedizione) rese necessaria l’unione linguistica europea sul registro alto-scientifico, e tale risultato non poteva che aversi tramite il pescaggio dal bacino lessicale greco e latino, più d’uno o dell’altro a seconda della distribuzione del corpus di testi classici nell’una o nell’altra lingua in ciascun settore. In diritto i dottismi quasi ignorano il greco e si affidano a radici latine; in medicina è vero l’esatto contrario (o quasi).

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...