VILLE VENETE : TASSAZIONE O MANUTENZIONE ?

di Giorgio Burin

Villa Veneta ca_marcello_davantiLe Ville Venete sono uno dei patrimoni d’arte che arricchiscono la nostra terra. Diciamo subito, per dare un’idea dell’importanza, che le ville venete censite sono 3803 in Veneto e 435 in Friuli. Di queste sono soggette a vincolo rispettivamente 1803 e 246. Esiste un Istituto Regionale Ville Venete (IRVV), il cui sito è visitabile cliccando ==> qui

Una parte di queste ville è definita Ville Palladiane, cioè ville costruite intorno alla seconda metà del ‘500 su progetto del Palladio o dei suoi immediati successori. Tra le Ville Palladiane 24 sono state inserite nella lista dei Patrimoni dell’Umanità redatta dall’Unesco, in concomitanza con l’inserimento nella stessa lista della Città di Vicenza (1994)

Villa Venete barbarigo01Le ville nacquero come dimora dei signori di campagna Veneti, nobili famiglie veneziane e non, che le abitavano per una parte del loro tempo curando gli affari del loro terreni.

Non sono di solito edifici particolarmente grandi, ancorché spesso lussuosamente affrescati ed elegantemente costruiti, erano soprattutto edifici di servizio. Se questo fa pensare che i Veneti abbiano sempre avuto, allora come oggi, un occhio di riguardo alla concretezza senza trascurare l’eleganza, le nostre ville, Patrimonio dell’Umanità al pari del Colosseo o di Versailles, sono li a dirci quanto bene lo facessero.

Ville Venete 70068Purtroppo come in molti casi simili, finché si parla del passato le cose filano lisce. Il presente, da quasi cento e cinquanta anni ci racconta un’altra storia.

Alcune ville sono talmente famose che i fondi per mantenerle non sono difficili da reperire. La situazione più comune però è di preziosi edifici di proprietà pubblica o, per la maggior parte  privata. Spetta ai proprietari l’onere del mantenimento, oltremodo costoso dato il pregio e l’età degli edifici. Le ville sono variamente affittate per eventi, feste, le più famose sono visitabili, altre ospitano ristoranti, ma troppo spesso i conti non tornano.

Villa Veneta 1227883815villa-fracanzan-pioveneMolte ville Venete sono in condizioni di grave degrado e addirittura di decadenza, per mancanza di fondi, cioè …. siamo al paradosso, lo stato non supporta adeguatamente la manutenzione dei suoi gioielli architettonici, ma addirittura impone tasse di proprietà drenando così i pochi fondi disponibili per la manutenzione.

Se questo vale per i privati, non va molto meglio per le Ville di proprietà, ad esempio, dei comuni, a loro volta stretti dai ben noti vincoli di bilancio. Tempo fa fece scalpore la notizia che il sindaco di una cittadina del Vicentino aveva posto in vendita ad 1 Euro una villa settecentesca, con il solo vincolo per l’acquirente di metterla in sicurezza e ristrutturarla.

Villa FiniDiscorso a parte la manutenzione straordinaria, a fronte di fatti eccezionali.

Un accenno a villa Fini sulla riviera del Brenta, distrutta dal tornado del luglio scorso, che il governatore Zaia si è impegnato a ricostruire “come era e dove era“.

Tra splendore passato, enti preposti, stato vorace, disinformazione dei più, il nostro patrimonio delle Ville Venete soffre di mancanza di manutenzione e si avvia, in parte, ad un inesorabile degrado ! Saranno i Veneti capaci di impedirlo ?

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

2 risposte a VILLE VENETE : TASSAZIONE O MANUTENZIONE ?

  1. PierV ha detto:

    i Veneti, non hanno più scuse per svegliarsi, se non lo fanno meritano il suicidio culturale.
    Svegliarsi significa innanzitutto non andare più al traino della politica romana, che come beoti a seguire le varie beghe italiote basate sul nulla e solo per il potere che distolgono dalla fondamentale origine del problema contingente: l’equità della distribuzione territoriale delle risorse.
    Senza soffermarsi sull’altro aspetto, quello basilare, che è di ordine storico, sociale e culturale, ossia il Veneto in quanto entità meritevole di autogoverno.
    Oggi, con le nuove tecnologie, vi è maggior disponibilità di informazioni, nonchè l’accesso ai dati è un po’ più agevolato.
    Anche il più polentone dei polentoni veneti, se accede al sito http://www.opencivitas.it, può vedere già nella home page una semplicissima tabellina leggibile anche da un bambino.
    La tabellina elenca per regione la spesa storica totale e pro-capite dei comuni.
    Ebbene, il Veneto è al penultimo posto per spesa pro-capite con 557 Euro, mentre il Lazio ne ha 869 !
    Non c’è più la scusa dell’ignoranza, polentoni!

    Mi piace

    • Renzo Marchiori ha detto:

      Io abito a Treviso in questo periodo mi preme insistere per la sistemazione di una villa Veneta messo dallo stato in una situazione di demanio però mi trova in grossa difficoltà a fare in modo che tutto possa procedere senza burocrazie e intoppi . Vedo troppe burocrazie e tempi lunghi speriamo che tutto si risolva velocemente . Io comunque non mollo devo arrivare fino in fondo ….. Renzo

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...