Gli Antichi Veneti. Misteriosi ma non troppo

di AndreaD

varie187 copyLa settimana scorsa ho avuto modo di partecipare ad una conferenza animata dal titolo “Veneti Antichi – Una storia da scoprire”. L’evento è stato organizzato dall’associazione culturale “Venetkens Veneti Antichi” che si è valsa della collaborazione della dott.ssa Chiara Franceschini, archeologa ed esperta di didattica museale. Impegnare il proprio venerdì sera in una conferenza di storia e archeologia potrebbe far storcere comprensibilmente il naso a molti ma, come dico io, è necessario vincere la propria naturale ritrosìa (e pigrizia) se si vuole fare un passo in avanti verso quella che è la strada della consapevolezza.

Parlo di consapevolezza in riferimento a quella che è la “Coscienza del Popolo” perché la conoscenza dei Veneti Antichi – o Veneti Primi – è di fondamentale importanza per comprendere la storia e l’identità dei Veneti Secondi (quelli della Serenissima) e per ricostruire l’identità lacunosa di noi Veneti Terzi del XXI° secolo. Solo quando si avranno tutte le tessere in ordine si potrà completare il nostro complesso mosaico identitario.

P6230238Da parte mia devo dire che non si è mai palesato il pericolo di annoiarsi durante la conferenza in virtù di come questa è impostata: da una parte c’è la dott.ssa Franceschini che si occupa dell’interpretazione scientifica dei reperti archeologici e dall’altra ci sono i figuranti Venetkens e Venetia Victrix che indossano le vesti dell’epoca e mostrano l’uso di utensili, armi e accessori che sono stati ricreati con la massima fedeltà a partire dal reperto storico.

In questo caso c’è un approcio che va anche oltre la semplice rievocazione storica e si può parlare quindi di “archeologia sperimentale”. E’ stato molto coinvolgente, per esempio, vedere proiettata sullo schermo l’immagine del Disco di Montebelluna che riproduce la dea Reitia – abbigliata come una tipica donna veneta – e allo stesso tempo vedere dal vivo le “signore Venetkens” con addosso gli stessi abiti e accessori.

Un’altra immagine invece riproduceva le decorazioni della Situla Benvenuti, che comprendono raffigurazioni di guerrieri e scene di lotta, e in questo caso i nostri moderni “Cigni del Sole” hanno mostrato come si indossavano le varie uniformi da guerra, nonchè hanno spiegato le varie tecniche di combattimento e di lotta. Alla fine si delinea il quadro di una società ben radicata nel territorio – ma aperta agli scambi – prospera, laboriosa, pacifica ma sempre pronta a difendersi, con una propria lingua parlata e scritta (diversa dal veneto che parliamo noi) e con le donne sorprendentemente protagoniste – e non solo comprimarie – della vita sociale e famigliare.

DSC_7012E’ chiaro che nell’arco di una serata è impossibile l’esposizione esaustiva di tutte le tematiche inerenti i Veneti Antichi.

Solamente per la trattazione dell’origine di questi, a partire dal confronto tra le fonti letterarie  con quelle archeologiche, servirebbe un vero e proprio seminario accademico.

Ritengo tuttavia che questo tipo di conferenze sia un’ottima occasione per avere un’utile infarinatura della nostra storia più remota grazie alla quale si è poi invogliati a visitare i vari musei archeologici sparsi nel territorio.

Questi Veneti Antichi portano con sé un alone di mistero dovuto all’esigua quantità di fonti e reperti che, attualmente, sono a disposizione degli studiosi. Ma nel momento stesso in cui ci si immerge nella loro storia scopriamo che questi non erano poi così misteriosi, anzi! Lentamente emerge la sensazione che il loro spirito sia stato tramandato attraverso i secoli e le generazioni, e che oggi sia (in parte) ancora vivo. Forse è per questo motivo che i programmi governativi della Pubblica Istruzione glissano clamorosamente sul nostro passato?

Mi auguro che conferenze come questa possano ripetersi con maggiore frequenza in futuro, contando magari su una più efficace campagna di promozione affinchè la partecipazione del pubblico sia più numerosa. E sarebbe ben gradito il contributo e l’interessamento delle varie associazioni culturali del Veneto nonché delle amministrazioni locali.

Informazioni su AndreaD

Łìbaro e Veneto
Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico, Identità Veneta e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Gli Antichi Veneti. Misteriosi ma non troppo

  1. GIANCARLO ha detto:

    Cosa possiamo dire infine della lingua Veneta ?
    Nata 3.000 anni or sono e chiamata Venetico !!!!!!!
    Nelle scuole si insegna la storia che fa comodo e non quella che c’è stata.
    l’italia ci tratta come se fossimo degli indiani dentro ad una riserva.
    Dobbiamo ignorare chi eravamo, ignorare chi siamo oggi e chi potremmo essere domani.
    Italiano ormai per me è una parola senza significato. Veneto invece è una parola che racchiude il mio essere ed il mio fare e non rinuncio manco po’ c…. alla mia identità originale e alla mia lingua e alla mia cultura di Veneto.
    Il fatto che nelle scuole da sempre non si insegni la vera storia di tutta la penisola per quello che è stata veramente, è la prova che siamo sempre trattati da popoli conquistati dai Piemontesi, oggi italioti.
    Per fortuna che l’anima Veneta si sta svegliando in milioni di Veneti di tutto il mondo ed i 15 milioni che oggi fanno parte dell’identità Veneta saranno i futuri eredi della rinata nuova Repubblica Veneta indipendente.
    E’ solo questione di tempo e basta !!!
    WSM

    Mi piace

    • StefanoZzz ha detto:

      Esatto ! Questo è lo spirito giusto e queste iniziative avvalorano, infondono e creano quel risveglio, quella presa di coscienza che via via dilaga sempre più..
      vanti senpre
      forsa e corajo

      Mi piace

  2. StefanoZzz ha detto:

    paroe sante e bea inisiativa !

    Dove s’è svolto questo incontro?
    Come fare e7o dove iscriversi per rimanere aggiornati sulle eventuali prossime?
    Ringrasio
    s-ciao

    Mi piace

  3. Pingback: Padania celtica e germanica - Pagina 20

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...