Venezia mai più Serenissima ma orgogliosamente e definitivamente italiana ?!?

di Ettore Beggiato

FrariE’ in corso nella prestigiosa sede dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti di Venezia, a Palazzo Franchetti all’Accademia, una mostra che celebra il secondo centenario dalla fondazione dell’Archivio di Stato di Venezia, istituito con il nome di Archivio Generale Veneto dall’imperatore d’Austria Francesco I con sovrano rescritto del 13 dicembre 1815. Da allora, ininterrottamente, l’Archivio svolge la funzione di conservare il patrimonio documentario della Serenissima Repubblica Veneta, dei monasteri e dei conventi soppressi in età napoleonica, delle corporazioni d’arte e mestiere e delle scuole di devozione, cui si sono via via aggiunte le carte dei governi che si sono succeduti nel Veneto fino ad oggi.

chiostro-trinitaNella sede originaria nell’ex convento francescano di Santa Maria dei Frari, scelto fin dall’origine proprio per le sue cospicue dimensioni – cui si sono in seguito affiancate le sedi sussidiarie della Giudecca e di Mestre – si snodano circa 70 chilometri di scaffali dove trovano posto più di 800 fondi archivistici, ancora in larga misura disposti secondo il progetto ideato dal primo direttore dell’Archivio, Giacomo Chiodo, inteso a riproporre la struttura statuale della Serenissima. Per celebrare questo anniversario l’Archivio ha organizzato una mostra documentaria in cui proporre al pubblico una significativa selezione del suo vastissimo e prezioso patrimonio.

perastoAttraverso documenti rappresentativi per la loro rilevanza, si ripercorrono i filoni principali della millenaria storia veneziana, dalle origini fino alla prima guerra mondiale. Inquadrati in una griglia tematica, vengono  ripercorsi  diacronicamente, per momenti emblematici, la struttura istituzionale dello Stato Veneto,  le relazioni diplomatiche con l’Oriente e l’Occidente, la gestione del territorio, le reti commerciali, il tessuto economico e produttivo, il mondo artistico, l’ambito religioso e assistenziale, le trasformazioni della città e i riflessi della politica nell’Otto e Novecento.

plebiscitoTutto bene, si potrebbe pensare leggendo la nota dell’Istituto e anche visitando la mostra dove si trovano splendidi documenti di grande interesse…Peccato che sull’ultima tavola illustrativa, posta quasi alla fine della mostra, si legga nelle ultime righe:

“Fino a quando, dopo il 1866, la storia veneziana non sarà più -serenissima- ma orgogliosamente, definitivamente, italiana e cittadina.”

barzellette-divertenti-728x344La storia veneziana non più Serenissima ma orgogliosamente e definitivamente italiana ? Ma ci rendiamo conto? E questa è l’istituzione che dovrebbe  tutelare e valorizzare l’archivio  della Repubblica Veneta ?!?

Non più Serenissima? E perché mai? E questi sono coloro che dovrebbero conservare un patrimonio di storia, di cultura e di civiltà che ci viene invidiato dal mondo intero???

ParentesiOrgogliosamente e definitivamente italiana? Sull’orgoglio italiano è meglio stendere un velo pietoso, sul definitivo  poi, cosa sono quasi centocinquant’anni di parentesi italiana nel Veneto di fronte a oltre tremila anni di storia veneta?

Una parentesi, appunto, una delle più negative parentesi nella nostra storia veneta…una parentesi che si è aperta nel 1866 con un vergognoso plebiscito-truffa e che prima o poi è destinata a chiudersi…

Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Venezia mai più Serenissima ma orgogliosamente e definitivamente italiana ?!?

  1. GIANCARLO ha detto:

    Ma chi sono codeste nullità che si permettono di scrivere frasi cosi’ indecenti ed offensive ??????
    Prima al Museo Correr si celebrano coloro che occuparono e portarono alla disgraziata fine della Serenissima ( vedi Napoleone e le stanze di Sissssssi …) e adesso anche questo insulto?!
    Questi italiani che credono di sapere tutto mi fanno schi………sono delle capre selvatiche che non conoscono non solo la storia, quella vera, ma credono di fare chissà quale omaggio alla perduta libertà dei Veneziani e dei Veneti tutti.
    Vorrei sapere chi sono e da dove vengono queste ignoranti capre selvatiche che ricoprono posti statali e che non sanno nulla di noi Veneti e dei nostri veri sentimenti.
    Che se ne vadano a casa loro perché questi razzisti non li vogliamo tra i piedi.
    Ha ragione Beggiato è solo questione di tempo ma finirà questo continuo insultare i Veneti ED ALLORA GENTE DEL GENERE NON LA VOGLIAMO PROPRIO.
    WSM

    Mi piace

  2. BACHEROT Angela ha detto:

    Venise ! ville qui existe depuis…toujours ! ville qui a enrichi la terre entière avec son commerce, son art, sa vie extraordinaire…comme vous dîtes, qui se permet de ne plus l’appeler “La Sérénissime” ? Des personnes qui se croient les maîtres et qui décident de n’importe quoi, bien assis confortablement dans leur fauteuil plutôt que de s’instruire ! Mais maintenant, on ne connaît plus ni le respect, ni la tolérance. Il suffit de s’en mettre plein les poches et le reste ne les intéresse plus ! Nous sommes vraiment dans un monde qui s’égare des valeurs humaines, mais on le paiera…
    Venise, la plus belle ville du monde…pour moi !!!
    Je souhaite que 2016 puisse faire vivre comme avant, et pour toujours notre Venise internationnale, car il n’y a que ceux qui ne l’ont pas vue qui ne peuvent en parler !!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...