Pensierini per il 2016

di AndreaD

niet1« Ma nel deserto più solitario ha luogo la seconda metamorfosi: lo spirito diventa leone, che cerca per sua preda la libertà e nel proprio deserto vuol essere signore. Egli vi cerca il suo ultimo padrone: vuole essergli nemico come al suo ultimo dio: vuole combattere con l’immane drago per la vittoria.

Qual è il grande drago che lo spirito non vuole più chiamare signore e dio? Si chiama egli: Tu devi. Ma contro di lui lo spirito del leone avventa le parole: Io voglio. Tu devi gli sbarra il cammino, scintillante di scaglie d’oro, e il motto gli splende su ogni scaglia. Dice: “Tutti i valori delle cose rifulgono su di me. Ogni valore fu già creato; e io tutti li rappresento. L’Io voglio non deve più esistere”.

O miei fratelli, che bisogno c’è del leone nello spirito? Non basta la bestia da soma che si rassegna e s’umilia?

Creare valori nuovi! Nemmeno il leone ne è capace.

Ma crearsi libertà per nuove creazioni, di questo è capace la forza del leone. Crearsi la libertà, crearsi un sacro no anche di fronte al dovere: per questo, fratelli, c’è bisogno del leone.

Come la più sacra delle cose egli amava una volta il Tu devi: ora egli è costretto a trovare la falsità e la menzogna anche nelle cose più sacre, per poter acquistare la libertà fosse pure a prezzo del suo amore. Soltanto il leone può far ciò. »

(tratto da “Così parlò Zarathustra. Un libro per tutti e per nessuno” di Friedrich Nietzsche, 1885)

 

16912757_albert-camus-uomo-in-rivolta-di-romano-guatta-caldini-0« Che cos’è un uomo in rivolta? Un uomo che dice no. Ma se rifiuta, non rinuncia tuttavia: è anche un uomo che dice di sì, fin dal suo primo muoversi. Uno schiavo che in tutta la sua vita ha ricevuto ordini, giudica ad un tratto inaccettabile un nuovo comando. »

(tratto da “L’uomo in rivolta. Saggi” di Albert Camus, 1951)

 

cExC12d« Ci sono cose che non saranno mai fermate: una volontà ereditata, i sogni delle persone e il passaggio da un’era all’altra. Fino a quando la gente continuerà a cercare il significato di libertà, queste cose non cesseranno mai di esistere! »

(tratto da il manga “One Piece” di Eiichirō Oda, in pubblicazione dal 1997)

 

phpThumb_generated_thumbnailjpg« E’ degno di uomini liberi scegliere, e scegliere sulla propria pelle, anche se quella scelta si basa su delle motivazioni che altri potrebbero considerare, come ho detto, discutibili»

(tratto da “I cigni del sole” di Danilo Lazzarini, 2013)

 

 

charliebrown« Ego liber sum, ergo venetus sum » [lat]
« Io sono libero, quindi sono veneto » [ita]
« A mi son łìbaro, donca son veneto » [vec]

(variazione cartesiana di AndreaD)

Informazioni su AndreaD

Łìbaro e Veneto
Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico, PILLOLE e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Pensierini per il 2016

  1. GIANCARLO ha detto:

    Ben scrito e ricordà !!!
    Non solo in italia, non solo in europa, non solo nel mondo intiero, ma qualsiasi l’homo el vol essa libaro. Invece semo deventai tuti schiavi, basta veda cossa la stà faxendo la globalisasion che prima i nà fato indendar che la xè na bona roba, adesso capimo tuti che la xè l’ennesima messa in scena de na fregadura granda come na casa par portarne via diriti e democrasia par parmettar ai soliti pochi siori de mal afar de continuar a specular sula pora gente.
    La storia de sti homeni chi è xà maledetti da Dio la stà par finir ma lori no i le sa.
    El mondo dove ghe xè poche zentinaia de migliaia de siori ( me piaxaria saver come ja fato tutti i skei che i gà …) e tuti i’altri i fadiga a campar o i more de fame ….xè un mondo destinado a finir.
    Stà scrito d’appartuto !!! Parfin sul libro sacro de Dio dove vien tegnudo nota de tuto.
    Ecco parkè noialtri Veneti che volemo la libartà e l’indipendensa da tuto e da tuti semo quei che stà nel giusto par el solo fato che volemo che quanto Dio l’avea stabilido dandone la libartà e el libaro arbitrio el vegna stabilio anca nela nostra tera come da 1.100 ani gera xà stado !!!
    Quando tuto finirà saremo ciamadi a testimoniar davanti a Dio contro stì pori homeni siori in tera ma morti in ziel e alora dovaremo essa bravi pì de lori nel perdonarli, ma…. l’inferno sarà la loro dimora eterna nonostante tuto !!!!!
    WSM

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...