Una Sinistra Indipendentista

Intervista al movimento “Sanca Veneta”

di Anna Iseppon

sancaÉ notizia di qualche giorno fa – forse non ancora nota ai più – la nascita di una nuova entità politica nel mondo indipendentista: un movimento dichiaratamente di Sinistra (il nome del movimento parla chiaro) per l’indipendenza del Veneto. Si può dire che, con Sanca Veneta – finalmente – il fronte indipendentista è “ufficialmente” trasversale.

Novità assoluta per l’indipendentismo Veneto, tradizionalmente di centro-destra… (non di certo per gli altri movimenti indipendentisti in Europa, in larga parte socialdemocratici) e per la Sinistra veneta-italiana, rappresentata da un Partito Democratico sempre meno democratico e sempre più centralista, che avversa qualsiasi ipotesi di indipendenza (o di autonomia locale).

Ho intervistato, per saperne di più su Sanca Veneta, Matteo Visonà Dalla Pozza, uno dei soci fondatori del movimento.

Matteo, dimmi, che cos’è “Sanca Veneta”?

Sanca è un movimento politico di stampo Socialdemocratico ispirato nelle linee programmatiche di stampo nord europeo (Danimarca, Svezia per intenderci) e fortemente legato ai modelli di sviluppo di Scottish National Party ed Esquerra Republicana Catalana.

Come nasce Sanca Veneta? 

arcobalenoNasciamo come nascono un po’ tutti i movimenti, una casuale comunanza di vedute e la fortuna di esserci ritrovati durante una (fredda, era il 1 Dicembre 2013 a Bassano) manifestazione nel 2013. Abbiamo iniziato una piccola fase di aggregazione dando vita a Sanca.

In Veneto ci sono già molti movimenti indipendentisti, perchè l’esigenza di un progetto nuovo?

Temo di dover essere un po’ critico e di dover pestare qualche nervo scoperto, pazienza.

Non ce la sentivamo di diventare cittadini di uno dei 4 (o 5?) Governi Veneti o Lombardo/Veneti, tra i Xovani ci saremo trovati fuori luogo nel concetto stesso di “cittadinanza veneta”, i figli del PNV, che siano progrediti o che si siano spenti, hanno sempre avuto un atteggiamento legato a vecchi schemi di Indipendenza/Autonomia (spesso composti da fuoriusciti leghisti, o molto simili, che non hanno mutato molto il loro modus operandi), quasi sempre di stampo esclusivista, legati a rivendicazioni fiscale-territoriali e fermi al concetto di perfezione della Serenissima pre-1797. Tutti concetti sui quali ci ritroviamo solo parzialmente concordi.

Mancavano fondamenta per noi importanti: l’idea di Libertà, l’allargamento del concetto di Cittadino Veneto, la rivitalizzazione della Cultura Veneta Contemporanea – che non vuol dire solo lengua vèneta.

Vi è una sostanziale differenza di metodo tra Sanca e la galassia Indipendentista: la chiamerò Antiboldrinismo – per chi vuol capire – noi ne facciamo a meno. I nostri ideali in materia di diritti civili, della qualità/quantità di stato sono spesso stridenti con la maggior parte della base indipendentista.

E’ pur logico che la serie di critiche elencate non colpiscano tutti indiscriminatamente, lo slogan stesso “Veneto è chi Veneto fa” a noi carissimo, è stato scritto da un liberista molto distante dai nostri ideali, ma se ci rivolgiamo a persone che hanno ideali diversi da quelli che ispirano la maggior parte dei movimenti finora conformati, è pur logico che dovessimo intraprendere una strada separata.

Qual è il progetto di Sanca per il Veneto, e per i Veneti?

sancavenetaNon crediamo che l’Indipendenza sia a breve portata di mano e il compito di modellare un Veneto futuro sarà uno sforzo collettivo.

Sanca Veneta – come già accennato poco fa – si ispira a modelli socialdemocratici nordeuropei, dove vengono affiancati, senza conflitto, un avanzato stato sociale ed il libero mercato. Sistemi dove giustizia sociale ed economia di mercato trovano il giusto equilibrio per garantire un’economia prospera in una società giusta.

Se qualcuno fosse interessato al vostro progetto o volesse saperne di più, come può fare per contattarvi?

Può seguirci:

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Blog Pubblico. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Una Sinistra Indipendentista

  1. Eugenio ha detto:

    Non trovo niente di Strano che nell’Indipendentismo Veneto ,come in altri Partiti Indipendentisti ci siano varie Posizioni Politiche quindi anche una Sinistra,il Problema da come la vedo io ,è che nell’Indipendentismo Veneto ,manca una rappresentanza della Destra-Sociale ..ma queste Posizioni ,devono Essere rappresentate in un unico Partito Indipendentista ,non i vari Partitini ..se no oltre a non avere Nessuna Consistenza Politica e rappresentativa ,diventa un’armata Brancaleone ..

    Mi piace

  2. Ben ha detto:

    se cominsemo con la SANCA semo xa a posto….se podì ande a ca…..re!!! La sinistra la ga rovinà l’ itaglia, la ga fato dani dappartuto e volemo ancora tegner sta gente in Veneto? Par mi, se femo l’ indipendensa , la SINISTRA ( e tutti quei che se ga dichiarà de sinistra e i ga votà comunista, PD, SEL, M5S PRC….i va messi FUORILEGGE)….se li teghì dentro e ghe de potere xe meio ca lo dixi prima che mi non me movo, anzi VE DO CONTRO….xe come se disissi che xe giusto mettere dentro islamici, indiani, negri….la xe la stessa porcaria!!!SVEJEVE, VIA I SINISTRI, FORAAAA!!!

    Mi piace

  3. Eugenio ha detto:

    Non voglio certamente Difendere la SINISTRA ,che come dice BEN negli ultimi 25 anni ha fatto Danni ,ma bisogna anche dire le cose come Stanno ,gli Stranieri sono cominciati a venire nel VENETO,ai tempi del Governo Berlusconi -LEGA ,Su Richiesta dei vari Industriali VENETI (allora si parlava di quote ,poi ne sono entrati a migliaia ) Inoltre ricordo che il P.D.L fa parte del Gruppo EUROPEO dei Cristiano -sociali (D.C.) e Governano l’Europa assieme ai Socialdemocratici ,di cui fa parte anche il P.D..Su SEL ..P.R.C e M.5.S ..Meglio stendere un velo PIETOSO ..

    Mi piace

  4. Pingback: L’indipendentismo in Regione | Vivere Veneto

  5. Bocaulario ha detto:

    Indipendenza veneta no vole dire fare ona picola Italia coi partiti. Vol dire canbiare tuto e adotare el Balottagio come metodo regolatore della vita politica.

    Mi piace

  6. Toni ha detto:

    Un artigoło intiero par dir… njente!
    Ezenpio ciaro de come imitar i połiteghi tałiani, ezatamente cueło de cui ła cauza veneta ga de bezonjo par no concludar mìa njente.
    Calchedun me diga se da’l artigoło sora el ga capìo calcosa de coza che ła ze sta Sanca Veneta: mi no.
    Ansi, me par de capir che par ła SV (ciamemoła za come che fa i jornai tałiani) no ghe ze l’urgensa de rivar a l’indipendensa, ma l’urgensa de far diventar i veneti de sinistra. Bel projeto.
    P.s.
    Veneti, stemo tenti a no farse mìa ciavar co’l zugo escluzivamente diałetico e inconcludente che ocupa tuti i mezi de informasion taliani, zugo del cuałe primo raprezentante talian ze proprio ła sinistra.
    Veneti, stemo anca tenti a no farse mìa ciavar col zugo de łe contrapozision fra i vari movimenti par l’indipendensa, come se fùsimo tifozi de calcio: a mi, łezendo sto artigoło, A me senbra che sta SV ła voja far proprio cuesto, métar zizania, come che fa ła pì inùtiłe sinistra masimałista tałiana.
    P.p.s.
    El steso discorso vałe anca par chealtri partiti taliani.
    WSM

    Mi piace

  7. roberto ha detto:

    ahh,
    beata serenisima co’ no te gavevi sentro, dreta e sanca, ma tuti li jera par tuti e viver puito.
    parchè essar de na parte vol dir ciamarse contro staltra. essar de na parte vol dir far defarense.
    no gò mai visto nasser on cristian co solo on braso, el naxo, o el figà. co se nasse se nasse intieri.
    la repiovega serenisima la tornarà solo co ghe saremo tuti, se no vegnarà fora nantra roba, e no sarà… serenisima, ma ‘beghisima’.

    Mi piace

  8. mary ha detto:

    Se vogliamo davvero avere uno sguardo nuovo e libero dobbiamo uscire dalla logica dei partiti e schieramenti di destra e sinistra che sono nati quanto i governi nazionali si sono formati (o sono stati imposti come nel nostro caso veneto). Queste correnti di pensiero sono profondamente legate all’Italia che tutti conosciamo: correremo il rischio che questa “sanca” (come un’estrema destra) sia un’infiltrazione-sabotaggio di quella italiana, e tutti noi vediamo quotidianamente che cosa combina ora che è al governo: volete esultare?… io non lo farei.

    Mi piace

  9. Fantassin ha detto:

    Benvenuti tra gli amici della sinistra indipendentista catalana
    https://www.facebook.com/groups/catalognalibera/

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...