Dedicata a le fémene

di AndreaD

Les-Demoiselles-d’Avignon-PicassoOggi è l’8 marzo Festa delle Donne. Quale occasione migliore per dedicare, a tutte le fémene del mondo,  una poesia ideata e scritta nella nostra marełengoa veneta? Più che una lingua a me pare, quasi quasi, una formula alchemica che trasforma la musica in versi.
Buona lettura e auguri a tutte le fémene!

Łe fémene
(sesizmo e tormento)

Fémene,
strana rasa.
Parlar o tàzar suzo?
A l’è senpre zbajà…

Fémene,
paura de sustarle.
Cofà el viero
A łe par fate de njent,
e invese!
Fémene che łe te sotera…

Fémene,
intełijenti cuande che łe vol,
manco bauche de i òmeni,
ma pì furbe l’è cuełe de na ‘olta.

Ła vita sensa fémene?
Fursi pì beła,
ma… fursi che…
A no ghe sarìa njanca pì vita?

Mai capìo njent mi,
de łe fémene…
A sonti mi cueło fato roverts?

(AndreaD)

Informazioni su AndreaD

Łìbaro e Veneto
Questa voce è stata pubblicata in Blog Pubblico, Lingua veneta, Ricorrenze e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Dedicata a le fémene

  1. Mario Pegoraro ha detto:

    No me gò capià molte cose. Un pó difarente di quel che si parla quá a Brasile di nostri antenatti.

    Mi piace

  2. Fil de fer ha detto:

    Sempre bela e sempre viva la nostra lengoa veneta !!!
    Vegnarà el tempo che la sarà studiada intel’e scole venete e mai pì in quele italiote !!1
    WSM

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...